GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA

Per chi si iscrive al blog c'è un simpatico OMAGGIO: i primi dieci suggerimenti del GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA a cura della redazione della Dispensa delle Storie.

Storie piccole

Il tuo bambino ama le favole, ma è stufo di sentirsi raccontare sempre le stesse storie? Ti piacerebbe regalargliene una dove lui è protagonista insieme al suo piatto preferito? Se la risposta a entrambe le domande è sì, sei atterrata sulla pagina giusta. Contattami iscrivendoti alla newsletter e vedremo insieme cosa si può fare e come.

 

 

Storie d’amore

Vorresti regalare alla tua lei o al tuo lui una raccolta di ricette d’amore ispirata alla vostra storia, con i vostri piatti preferiti, e illustrata da un artista innamorato della vita? Chiedimi come iscrivendoti alla newsletter.

Iscriviti alla newsletter

Categoria: Questioni di stile

Arcimboldo: messaggi in codice.

Quante volte, guardando un dipinto di Giuseppe Arcimboldo (1527-1593), abbiamo pensato a cosa potesse aver ispirato quel quadro? Probabilmente, nessuna. Lo abbiamo classificato come l’opera di un artista bizzarro e siamo passati oltre. Eppure i suoi quadri, vere e proprie dispense degne di una fornitissima cucina, non lasciano nulla...

Arte e cibo: dagli anni Sessanta in poi.

Dopo un periodo di gloria, i movimenti artistici degli anni Sessanta e Settanta legati al rapporto tra arte e cibo andarono silenziosamente in letargo. Il pubblico si era stancato di vedersi propinare opere fatte di tavole apparecchiate con avanzi di cibo incollati sopra. Tra queste c’erano anche le opere...

Eat Art, ovvero: arte da mangiare.

Con la Eat Art ci si nutre, eccome. Alla faccia di chi dice che con la cultura non si mangia… Questo è un tipo di arte che non si rivolge più soltanto allo sguardo, ma anche al tatto e al gusto. Protagonista della corrente artistica della Eat Art all’inizio...

Less is more: dalla scrittura alla cucina.

Less is more è l’American mantra preferito nei corsi di scrittura creativa. “Non diventerai mai un vero scrittore se non togli il superfluo. Troppi aggetti, troppi avverbi… Perché utilizzare una parola di dieci lettere quando basta un sinonimo di cinque?” E noi lì a pesare sillabe, affettare paradossi, frullare...

Dello scrivere, del cucinare e del sedurre… Con una torta.

Il cucinare ha molto in comune con lo scrivere. Innanzitutto: una precisa volontà di sedurre. Si tratta di una seduzione intesa come “condurre a sé” nel senso più ampio dell’espressione. Seppur con diversi livelli di consapevolezza, il cuoco e lo scrittore seducono il commensale e/o il lettore cercando di...

Piove: voglio una tazza di tè al gelsomino e un pensiero.

Piove: un tè al gelsomino e un pensiero profondo sulla scrittura, qualcosa su cui meditare per un po’. Sì, piove da ore e mi è venuta voglia di mettere qualcosa sotto i denti. Pare che il tè al gelsomino si abbini bene ai formaggi freschi, così ho preparato delle...

Scrivo o preparo il pranzo?

Scrivere una storia è un po’ come preparare un pranzo completo: nulla può essere lasciato al caso. In una buona storia, come in un buon pasto, ci sono un inizio e una fine intervallati da elementi intermedi in perfetta armonia tra di loro. Nella cucina ideale la coerenza predomina...

Soffriggere l’ispirazione o il cappello?

Soffriggere l’ispirazione. Cosa vorrà dire? “Un uomo stava facendo soffriggere il proprio cappello, e nel frattempo pensava a come sua madre aveva fatto soffriggere il cappello di suo padre, e a come sua nonna aveva fatto soffriggere il cappello di suo nonno”. Soffriggere l’ispirazione. Procediamo. Cipolla, carota e sedano...