GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA

Per chi si iscrive al blog c'è un simpatico OMAGGIO: i primi dieci suggerimenti del GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA a cura della redazione della Dispensa delle Storie.

JUNK JOURNAL

Junk journal a tema culinario/letterario (ma non solo…), anche su ordinazione.

Storie piccole

Il tuo bambino ama le favole, ma è stufo di sentirsi raccontare sempre le stesse storie? Ti piacerebbe regalargliene una dove lui è il protagonista insieme al suo piatto preferito? Se la risposta a entrambe le domande è sì, sei atterrata sulla pagina giusta. Contattami iscrivendoti alla newsletter e vedremo insieme cosa si può fare e come.

 

 

Storie d’amore

Vorresti regalare alla tua lei o al tuo lui una raccolta di ricette d’amore ispirata alla vostra storia, con i vostri piatti preferiti, e illustrata da un artista innamorato della vita? Chiedimi come iscrivendoti alla newsletter.

Iscriviti alla newsletter

Novembre: estate di San Martino.

Novembre è il mese della tristezza e del ricordo, il ricordo dell’estate ormai passata.

Gemmea l’aria, il sole così chiaro
che tu ricerchi gli albicocchi in fiore,
e del prunalbo l’odorino amaro
senti nel cuore…

Ma secco è il pruno e le stecchite piante
di nere trame segnano il sereno,
e vuoto il cielo, e cavo al piè sonante
sembra il terreno.

Silenzio, intorno; solo, alle ventate
odi lontano, da giardini ed orti,
di foglie un cadere fragile. E’ l’estate,
fredda, dei morti.

In questa poesia, Giovanni Pascoli ci parla del periodo dell’anno che stiamo vivendo. La prima strofa presenta l’immagine di una giornata di straordinaria limpidezza e luminosità; sembra primavera, visto che lo sguardo, istintivamente, cerca gli albicocchi in fiore.
Nella seconda strofa subentra l’inganno: altri segnali (il ramo stecchito, il cielo senza uccelli, il terreno cavo ai passi umani) negano le apparenze iniziali.
Nella terza strofa abbiamo la dichiarazione conclusiva: la luce che pareva anticipare il risveglio primaverile si rivela essere gelida aria che annuncia il sopraggiungere dell’inverno. E’ l’estate … dei morti: dunque siamo all’inizio di novembre, come già il titolo dichiarava.
E noi, in vista dell’estate di San Martino, utilizziamo le albicocche seccate durante la vera estate per fare una torta leggera (senza burro) ma gustosa da assaporare guardando i raggi del sole tra gli alberi al tramonto.

estate di san martino
Novembre: estate di san martino

Torta con albicocche secche

Cosa serve

  • 200 gr di farina 00;
  • 3 uova;
  • 150 gr di zucchero;
  • 500 gr di albicocche;
  • 30 ml di olio di semi;
  • 1/2 bustina di lievito per dolci;
  • 1 bustina di vanillina;
  • 1 limone non trattato;
  • Zucchero a velo q.b.

Come si fa

  1. Per prima cosa preriscaldate il forno a 180°C. Lavate, poi, il limone e grattugiate la buccia.
  2. Lavate, poi, le albicocche, asciugatele, tagliatele in due, togliete il nocciolo e tagliatele a pezzetti.
  3. Montate le uova con lo zucchero, fino ad ottenere un composto spumoso e biancastro. Aggiungete la farina setacciata al composto di uova, insieme al lievito in polvere, la vanillina, l’olio di semi e la buccia di limone grattugiata. Mescolate con cura.
  4. Ungete una tortiera e versate la metà dell’impasto nella tortiera. Coprite con la metà delle albicocche a pezzetti e finite con un secondo strato di impasto e albicocche. Infornate per 30-40 minuti circa, fino a quando avrà assunto un bel colore dorato.
  5. Lasciate raffreddare la torta soffice alle albicocche prima di toglierla dalla tortiera. Prima di servirla potete cospargere la torta con zucchero a velo.

Foto: web.

Add a Comment