GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA

Per chi si iscrive al blog c'è un simpatico OMAGGIO: i primi dieci suggerimenti del GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA a cura della redazione della Dispensa delle Storie.

JUNK JOURNAL

Junk journal a tema culinario/letterario (ma non solo…), anche su ordinazione.

Storie piccole

Il tuo bambino ama le favole, ma è stufo di sentirsi raccontare sempre le stesse storie? Ti piacerebbe regalargliene una dove lui è il protagonista insieme al suo piatto preferito? Se la risposta a entrambe le domande è sì, sei atterrata sulla pagina giusta. Contattami iscrivendoti alla newsletter e vedremo insieme cosa si può fare e come.

 

 

Storie d’amore

Vorresti regalare alla tua lei o al tuo lui una raccolta di ricette d’amore ispirata alla vostra storia, con i vostri piatti preferiti, e illustrata da un artista innamorato della vita? Chiedimi come iscrivendoti alla newsletter.

Iscriviti alla newsletter

Castagne: frutti autunnali.

Castagne: frutti dalla scorza dura che non permettono di immaginare cosa c’è sotto. Come certe persone.

Gli uomini sono come le castagne che ti vendono per strada: quando le compri, sono tutte calde e profumate, ma quando le togli dal cartoccio si raffreddano subito e ti rendi conto che la maggior parte è marcia.
(Carlos Ruiz Zafón)

Come non essere d’accordo?

I romanzi scritti da Carlos Ruiz Zafón affrontano varie tematiche come la vita, la morte e l’amore, regalandoci storie che difficilmente ci toglieremo dalla mente. Le ambientazioni tra il misterioso, il thriller e il romantico tratteggiano una Barcellona diversa dal solito, ricca di segreti e di ombre. https://viaggichemangi.com/europa/spagna/barcellona-zafon/

Allora: se andate a Barcellona per le prossime festività, evitate le caldarroste. Troverete senz’altro molte altre golosità da gustare. Se, invece, restate in Italia, urge conoscere i posti dove andare a castagne. A proposito: sapete che se raccogliete le castagne in un terreno privato le state rubando? A volte non ci si pensa, ma è proprio così. Per fortuna esistono luoghi dove la raccolta è non solo autorizzata, ma addirittura favorita. Come qui http://www.raccoltacastagne.it/Home.htm

Una volta raccolte delle ottime castagne, potrete cimentarvi nell’esecuzione di tanti piatti gustosi, come i necci toscani, una ricetta molto semplice, adatta anche ai celiaci, grazie alla naturale assenza di glutine nella farina di castagne. Non richiedono neanche grassi aggiunti, zucchero, latte o uova. Quella che ho scelto è la variante più diffusa, tuttavia i necci possono essere conditi in altri modi. Chi non ama la ricotta li apprezzerà nella loro versione più semplice, priva di ripieno e addolcita da miele e zucchero a velo. Agli amanti del salato invece consiglio di provarli con cipolla rossa caramellata e salsiccia.

Necci toscani (dose per 8 necci)

Cosa serve

Impasto

  • 400 gr di farina di castagne
  • 450 gr d’acqua tiepida

Farcitura

  • 500 gr di ricotta
  • 3-4 cucchiai di zucchero

Decorazione

  • q.b zucchero a velo
  • q.b. miele
  • q.b. pinoli

Come si fa

Versate la farina di castagne in una ciotola capiente. Aggiungete l’acqua tiepida un poco per volta, mescolando con una frusta fino ad ottenere un impasto privo di grumi è abbastanza liquido. La consistenza dovrebbe essere simile a quella delle crêpes, se risultasse troppo solido aggiungete altra acqua. Ungete una padella con l’olio (oppure burro o strutto, a piacimento) e mettetela sul fuoco. Quando la padella sarà ben calda abbassate il fuoco al minimo e con l’aiuto di un ramaiolo versate l’impasto al centro; a questo punto distribuitelo uniformemente sul fondo della padella inclinandola. Lasciate cuocere la pastella fino a che sulla superficie non compariranno delle bolle. A quel punto, aiutandovi con un coperchio o una spatola, girate il neccio e lasciatelo cuocere anche dall’altra parte. Una volta pronti impilate i necci su un piatto. In un’altra ciotola mettete la ricotta e lo zucchero, montateli insieme utilizzando la frusta. Prendete un neccio, cospargete la farcitura di ricotta all’interno e arrotolatelo. Ripetete la procedura fin quando non lo avrete riempiti tutti. Per decorare si consiglia di cospargerli di zucchero a velo e versare sopra miele e pinoli.

necci toscani
necci toscani con le castagne

Foto: web.

Add a Comment