GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA

Per chi si iscrive al blog c'è un simpatico OMAGGIO: i primi dieci suggerimenti del GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA a cura della redazione della Dispensa delle Storie.

JUNK JOURNAL

Junk journal a tema culinario/letterario (ma non solo…), anche su ordinazione.

Storie piccole

Il tuo bambino ama le favole, ma è stufo di sentirsi raccontare sempre le stesse storie? Ti piacerebbe regalargliene una dove lui è il protagonista insieme al suo piatto preferito? Se la risposta a entrambe le domande è sì, sei atterrata sulla pagina giusta. Contattami iscrivendoti alla newsletter e vedremo insieme cosa si può fare e come.

 

 

Storie d’amore

Vorresti regalare alla tua lei o al tuo lui una raccolta di ricette d’amore ispirata alla vostra storia, con i vostri piatti preferiti, e illustrata da un artista innamorato della vita? Chiedimi come iscrivendoti alla newsletter.

Iscriviti alla newsletter

Dio fece il cibo, il diavolo il condimento.

“Dio fece il cibo, il diavolo il condimento.” (James Joyce)

Di condimenti “diabolici”, per un motivo o per un altro, la cucina italiana è decisamente molto ricca. Cominciamo dall’aglione. Appartiene alla stessa famiglia dell’aglio ma si tratta di una sua variante tipica della Valdichiana, coltivata tra le province di Arezzo, Siena e Perugia. L’aglione ha spicchi di colore bianco avorio molto più grandi di quelli dell’aglio comune. Il suo sapore è molto meno invasivo di quello dell’aglio comune.

aglione
aglione

Ingrediente fondamentale per i pici all’aglione, primo piatto tipico della campagna senese.

Pici con sugo all’aglione

Cosa serve (per 4 persone)

Per i pici:

  • 400 g di farina di tipo 0
  • 200 g di acqua fredda
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • 1 presa di sale

Per il sugo all’aglione:

  • 300 g di polpa di pomodoro
  • 100 g di passata di pomodoro
  • 3/4 spicchi di aglione
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 1 peperoncino secco
  • sale

Come si fa

Setacciate la farina sulla spianatoia, unite il sale, formate la fontana e versate al centro l’acqua e l’olio. Impastate e formare una palla. Lasciate riposare l’impasto per circa 10 minuti quindi riprendetelo e stendetelo con un mattarello allo spessore di 1 cm. Tagliate l’impasto steso a strisce larghe 1 cm e formate i pici rollando con le mani sulla spianatoia le strisce di pasta fino ad ottenere dei lunghi spaghettoni. Sistemate i pici pronti sulla spianatoia infarinata. Sbucciate gli spicchi di aglione, affettateli molto sottilmente, metteteli in una padella con l’olio e il peperoncino, aggiungete un filo di acqua, coprite con il coperchio e fate cuocere lentamente su fiamma bassa fino a che l’aglione non risulterà ammorbidito. Unite la polpa e il passato di pomodoro, aggiustate di sale quindi fate cuocere a fuoco lento per circa 15-20 minuti o fino a che il sugo non avrà raggiunto la consistenza desiderata. Nel frattempo cuocete i pici in abbondante acqua bollente salata. Scolateli al dente e saltateli in padella con il condimento. Servite subito.

E, se non avete tempo per preparare i pici freschi, ormai si trovano abbastanza facilmente nei negozi di gastronomia anche fuori dalla Toscana.

pici all’aglione

Foto: web.

Add a Comment