GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA

Per chi si iscrive al blog c'è un simpatico OMAGGIO: i primi dieci suggerimenti del GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA a cura della redazione della Dispensa delle Storie.

JUNK JOURNAL

Junk journal a tema culinario/letterario (ma non solo…), anche su ordinazione.

Storie piccole

Il tuo bambino ama le favole, ma è stufo di sentirsi raccontare sempre le stesse storie? Ti piacerebbe regalargliene una dove lui è il protagonista insieme al suo piatto preferito? Se la risposta a entrambe le domande è sì, sei atterrata sulla pagina giusta. Contattami iscrivendoti alla newsletter e vedremo insieme cosa si può fare e come.

 

 

Storie d’amore

Vorresti regalare alla tua lei o al tuo lui una raccolta di ricette d’amore ispirata alla vostra storia, con i vostri piatti preferiti, e illustrata da un artista innamorato della vita? Chiedimi come iscrivendoti alla newsletter.

Iscriviti alla newsletter

Glicine da Oscar.

Glicine in giardino e in biblioteca. Oggi parliamo di Dorian Gray, il bellissimo giovane protagonista del famoso romanzo di Oscar Wilde, ritratto da un pittore suo amico quando è all’apice del suo splendore. Ossessionato dall’idea di invecchiare e di perdere la sua avvenenza, grazie a un sortilegio, ottiene che ogni segno del passare del tempo compaia solo sul dipinto. Il romanzo comincia così, con il profumo delle rose, del lillà e dell’eglantina.

Lo studio era impregnato dell’intenso odore delle rose, e quando la leggere brezza estiva frusciava tra gli alberi del giardino, fluiva dal vano dell’entrata il greve odore del lillà o il più delicato profumo dell’eglantina.
Dal divano coperte di gualdrappe persiane su cui era sdraiato fumando, al suo solito, sigarette senza numero, Lord Enrico Wotton poteva cogliere lo splendore dei fiori dell’avorno, del color del miele, e come il miele dolci, i cui tremuli rami parevano sopportare appena il peso di una così fiammeggiante bellezza.

Copertina di The Picture of Dorian Gray
The Picture of Dorian Gray

E più avanti veniamo trasportati dall’inebriante profumo del glicine, uno dei fiori simbolo della primavera, in un giardino inglese.

Uscì fuori in giardino e vi trovò Dorian Gray, il quale col viso sprofondato nei grandi fiori freschi del glicine, ne beveva febbrilmente il profumo come si beve un vino. Gli si accostò e gli pose la mano sulla spalla. «Fate benissimo a far così», mormorò. «Non c’è nulla che curi l’anima come i sensi, così come nulla può curare i sensi, come l’anima.»

glicine
glicine

Sembra proprio di essere lì, abbarbicati ai rami, per saziarci di tanta naturale bellezza.

E, per non uscire del tutto da questo stato di beatitudine, inebriamoci con qualche sorso di

Liquore al glicine

Cosa serve

  • 220 g Fiori di Glicine
  • Chiodi di Garofano
  • 400 ml Alcool Puro
  • 10 Foglie di Menta fresca
  • 200 g Zucchero
  • 500 ml Acqua

Come si fa

Lasciare macerare al buio per 30 giorni in un vaso di vetro (con chiusura ermetica) tutti gli ingredienti nell’ alcool, agitandolo tutti i giorni. Passati i trenta giorni filtrare e imbottigliare.
Lasciare riposare 1 mese prima di consumare, questo liquore si può conservare fino a 3 anni.

https://www.wilde-online.info/oscar-wilde-biography.htm

Foto: web.

Add a Comment