GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA

Per chi si iscrive al blog c'è un simpatico OMAGGIO: i primi dieci suggerimenti del GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA a cura della redazione della Dispensa delle Storie.

JUNK JOURNAL

Junk journal a tema culinario/letterario (ma non solo…), anche su ordinazione.

Storie piccole

Il tuo bambino ama le favole, ma è stufo di sentirsi raccontare sempre le stesse storie? Ti piacerebbe regalargliene una dove lui è il protagonista insieme al suo piatto preferito? Se la risposta a entrambe le domande è sì, sei atterrata sulla pagina giusta. Contattami iscrivendoti alla newsletter e vedremo insieme cosa si può fare e come.

 

 

Storie d’amore

Vorresti regalare alla tua lei o al tuo lui una raccolta di ricette d’amore ispirata alla vostra storia, con i vostri piatti preferiti, e illustrata da un artista innamorato della vita? Chiedimi come iscrivendoti alla newsletter.

Iscriviti alla newsletter

Donburi: il gusto dei cibi esaltato dal riso.

Il donburi è una ciotola di ceramica in cui vengono serviti svariati ingredienti su un letto di riso bianco, quali frutti di mare e tenpura: il sapore del riso, combinato a quello degli altri ingredienti, si armonizza dando vita a un gusto ancora
più ricco. Un esempio è l’oyako donburi, un piatto economico spesso presente nei menù dell’ora di pranzo nei ristoranti. Utilizzando un padellino monoporzione si cuociono pollo e due uova in un dashi con salsa di soia e mirin; il tutto poi viene versato su uno strato di riso bianco. Nel ristorante Sawachō, prima si riempie il pentolino con il brodo e i condimenti, poi si aggiunge il pollo. Quando la carne è cotta, si versa un uovo. Una volta che il composto raggiunge il bollore, si aggiunge l’altro uovo e si serve. Per ottenere un oyako donburi delizioso, occorre fare attenzione che le uova non si solidifichino troppo e che la carne rimanga soffice e amalgamata al resto degli ingredienti.

Oyako donburi

Cosa serve

  • 1 FETTA DI PETTO DI POLLO O COSCETTA DISOSSATA
  • una CIPOLLA PICCOLA
  • 1 UOVO
  • 100 ml. di BRODO DASHI
  • 1 cucchiaio di MIRIN (O SAKÈ DOLCE)
  • un cucchiaio di SAKÈ DA CUCINA
  • 1 cucchiaio SALSA DI SOIA
  • un cucchiaino scarso di ZUCCHERO SEMOLATO
  • 1 pezzetto di ALGHE NORI
  • 80 gr di RISO
  • 1 CIPOLLOTTO FRESCO

Come si fa

Sciacquate accuratamente il riso sotto il getto dell’acqua fredda; trasferitelo in una pentola e versate l’acqua, fino a coprirlo di oltre un dito 1. Chiudete con il coperchio, mettete sul fuoco e portate a ebollizione a fiamma vivace; a questo punto, abbassate al minimo e proseguite la cottura per 18 minuti, senza mai aprire il coperchio. Spegnete e tenete da parte.

Scaldate il brodo dashi in una padella antiaderente, quindi aggiungete il mirin, la salsa di soia 2, lo zucchero e portate a ebollizione.

Aggiungete la cipolla, tagliata a fettine 3, e lasciatela ammorbidire per 1-2 minuti.

Unite il pollo, tagliato a pezzetti 4, e lasciate insaporire, quindi coprite con il coperchio e cuocete per circa 5 minuti.

Sbatte le uova in una ciotola, poi versatele nella padella 5 e lasciatele cuocere per qualche istante: dovranno rimanere molto morbide.

Versate qualche cucchiaiata di riso in ciascuna ciotola e distribuite sopra il pollo con le uova ancora morbide; guarnite con il cipollotto, affettato sottilmente, e le alghe nori, a striscioline, e servite subito.

In Giappone, per cucinare i donburi, viene usata la “donburi nabe”, una piccola padella con il manico verticale per ridurre lo spazio sui fornelli all’interno dei ristoranti. Non è necessario averla, si può utilizzare una padella normale, preferibilmente antiaderente.

Si consiglia di utilizzare un riso della varietà Sant’Andrea, dal chicco medio e particolarmente ricco di amido. Sciacquatelo abbondantemente sotto l’acqua corrente fredda, finché questa non risulterà perfettamente limpida.

È importante non cuocere troppo le uova: dovranno rimanere morbide e un po’ liquide, per avvolgere completamente la carne.

oyako donburi
oyako donburi

Foto: web.

Fonte: L’arte del Washoku – Le mille sfumature della cucina giapponese.

Add a Comment