GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA

Per chi si iscrive al blog c'è un simpatico OMAGGIO: i primi dieci suggerimenti del GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA a cura della redazione della Dispensa delle Storie.

JUNK JOURNAL

Junk journal a tema culinario/letterario (ma non solo…), anche su ordinazione.

Storie piccole

Il tuo bambino ama le favole, ma è stufo di sentirsi raccontare sempre le stesse storie? Ti piacerebbe regalargliene una dove lui è il protagonista insieme al suo piatto preferito? Se la risposta a entrambe le domande è sì, sei atterrata sulla pagina giusta. Contattami iscrivendoti alla newsletter e vedremo insieme cosa si può fare e come.

 

 

Storie d’amore

Vorresti regalare alla tua lei o al tuo lui una raccolta di ricette d’amore ispirata alla vostra storia, con i vostri piatti preferiti, e illustrata da un artista innamorato della vita? Chiedimi come iscrivendoti alla newsletter.

Iscriviti alla newsletter

Croniche epafaniche

“La ballata più lunga e appassionata di Francesco Guccini. Guccini lascia la chitarra e si fa accompagnare da un fiume. Per attraversare lingue musicali e misteriose, un popolo allegro e ribelle, un’isola favolosa in pochi metri d’acqua, che forse esistono ancora appena fuori delle nostre città.” (Stefano Benni)

“Sono nato a Modena il 14 giugno 1940, dopo pochi mesi mi sono trasferito (o meglio mi hanno portato) a Pàvana (Pistoia) nella casa dei nonni paterni dove ho trascorso i primi anni di vita: là si svolgono le CrònicheHo fatto diverse cose, tra queste ho scritto e cantato delle canzoni.” (Francesco Guccini)

Il libro: Croniche epafaniche.

Copertina di Croniche epafaniche di Francesco Guccini
Croniche epafaniche

A casa patate ce n’è, chi non ce l’ha le patate. A pensarci son mo’ bone quelle arrosto nel forno che fanno col pollo, quando lo fanno, o quelle fritte nella padelle piena di strutto rappreso che col calore si scioglie e sfrigola e s’inasprisce del rosmarino e della salvia che vi hai dapprima messo. Ma ragazzi, perché la patata abbia quel sapore che sai devi rubarla, non c’è di cristo che non c’è patata più bona.

E c’è la bottega di Ziapina […]. Tu entri, scendi quei tre scalini, e già le nari ti si riempiono dei mille sapori che tutta la bottega ti offre. I primi a colpire sono i più violenti, il baccalà sciorinato secco rigido che verrà lasciato ad ammorbidirsi e dissalarsi lungamente nella tinozza piena d’acqua, e fatte di turbinosi colori stracolme di sarde salate, o di saracche […] da fare vicino alle braci del camino, cibo e sapore da anziani, che ancora ti si storce la bocca e piangi per un mezzo grano di pepe, ma ti piace già il tonno in grosse trance rosee ricurve che fa capolino in mezzo all’olio, o quelle stesse sarde siciliane o portoghesi o spagnole […] lavate in acqua e aceto e messe con prezzemolo e aglio primadiccio e quell’origano che fa verso in Centrale.

(Francesco Guccini, Croniche epafaniche)

La ricetta

Per chi ha voglia di scoprire una ricetta tipicamente emiliana: www.soniapaladini.it/2019/07/la-torta-di-patate-emiliana-cotta-nel-forno-a-legna.html

Add a Comment