GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA

Per chi si iscrive al blog c'è un simpatico OMAGGIO: i primi dieci suggerimenti del GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA a cura della redazione della Dispensa delle Storie.

JUNK JOURNAL

Junk journal a tema culinario/letterario (ma non solo…), anche su ordinazione.

Storie piccole

Il tuo bambino ama le favole, ma è stufo di sentirsi raccontare sempre le stesse storie? Ti piacerebbe regalargliene una dove lui è il protagonista insieme al suo piatto preferito? Se la risposta a entrambe le domande è sì, sei atterrata sulla pagina giusta. Contattami iscrivendoti alla newsletter e vedremo insieme cosa si può fare e come.

 

 

Storie d’amore

Vorresti regalare alla tua lei o al tuo lui una raccolta di ricette d’amore ispirata alla vostra storia, con i vostri piatti preferiti, e illustrata da un artista innamorato della vita? Chiedimi come iscrivendoti alla newsletter.

Iscriviti alla newsletter

Pesca: un frutto vellutato, una poesia .

Pesca: quante domande si pone chi guarda il mondo attraverso gli occhiali del poeta… Perché così sensuale, così carnosa, così piena di segreti? Perché quella forma, quel nocciolo duro, quella polpa sugosa?

Pesca tabacchiera
Pesca tabacchiera

Peach

Would you like to throw a stone at me?
Here, take all that’s left of my peach.

Blood-red, deep:
Heaven knows how it came to pass.
Somebody’s pound of flesh rendered up.

Wrinkled with secrets
And hard with the intention to keep them.

Why, from silvery peach-bloom,
From that shallow-silvery wine-glass on a short stem
This rolling, dropping, heavy globule?

I am thinking, of course, of the peach before I ate it.

Why so velvety, why so voluptuous heavy?
Why hanging with such inordinate weight?
Why so indented?

Why the groove?
Why the lovely, bivalve roundnesses?
Why the ripple down the sphere?
Why the suggestion of incision?

Why was not my peach round and finished like a billiard ball?
It would have been if man had made it.
Though I’ve eaten it now.

But it wasn’t round and finished like a billiard ball;
And because I say so, you would like to throw something at me.

Here, you can have my peach stone.

Il grande letterato inglese D. H. Lawrence https://www.sapere.it/sapere/strumenti/studiafacile/letteratura-inglese/il_novecento_/a5_il_romanzo_tra__le_due_guerre_mondiali/David-Herbert-Lawrence.html ci propone la sua personalissima visione della pesca e noi, nel nostro piccolo, proponiamo la nostra: un frutto schiacciato al centro, dalla polpa bianca e la buccia rosata e rossa. Che prende il nome dalla propria forma, simile, appunto, a una tabacchiera.

Insalata con pesche tabacchiera grigliate, noci e Roquefort

Cosa serve (per 4 persone)

  • 500 gr. di misticanza
  • 4 pesche tabacchiera
  • 200 gr. di Roquefort o gorgonzola piccante
  • 50 gr. di noci
  • 10 foglie di basilico fresco
  • 2 cucchiai di aceto balsamico
  • 4 cucchiai di olio evo
  • sale e pepe q.b.

Come si fa

Lavate le pesche e tagliatele spicchi. Fate scaldare una piastra antiaderente e grigliate le pesche su ambo i lati per qualche minuto, quindi mettete da parte. In un piatto da portata unite la misticanza, le pesche e le noci spezzettate, il basilico e il formaggio tagliato a cubetti, condite il tutto con emulsione di olio evo, aceto, sale e pepe. Servite subito.

Add a Comment