GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA

Per chi si iscrive al blog c'è un simpatico OMAGGIO: i primi dieci suggerimenti del GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA a cura della redazione della Dispensa delle Storie.

JUNK JOURNAL

Junk journal a tema culinario/letterario (ma non solo…), anche su ordinazione.

Storie piccole

Il tuo bambino ama le favole, ma è stufo di sentirsi raccontare sempre le stesse storie? Ti piacerebbe regalargliene una dove lui è il protagonista insieme al suo piatto preferito? Se la risposta a entrambe le domande è sì, sei atterrata sulla pagina giusta. Contattami iscrivendoti alla newsletter e vedremo insieme cosa si può fare e come.

 

 

Storie d’amore

Vorresti regalare alla tua lei o al tuo lui una raccolta di ricette d’amore ispirata alla vostra storia, con i vostri piatti preferiti, e illustrata da un artista innamorato della vita? Chiedimi come iscrivendoti alla newsletter.

Iscriviti alla newsletter

Non piangere, cipolla.

Non piangere, cipolla
tu sola sei capace,
trattata con affetto,
riscaldata pian piano,
un po’ rimescolata,
(ma molto lentamente,
per non finire,
come si usa dire,
dalla padella alla brace)
senza crudezza, senza seccature,
soltanto un po’ rosata
nel tuo olio abbondante
cipolla profumata, sei capace
di dare al riso il riso che mi piace.

Questa filastrocca per bambini di Roberto Piumini http://www.robertopiumini.it/index.html?pg=9 ci introduce all’argomento di oggi: la cipolla in cucina.

Varietà di cipolla e come utilizzarla

  • Cipolle rosse: il massimo del gusto lo esprimono cucinate alla griglia. Ottime anche crude tagliate a fettine sottili come condimento per l’insalata.
  • Cipolle bianche: il loro uso più comune è nelle basi di ricette e sughi tradizionali.
  • Cipolle dorate: sono una delle varietà più duttili. Non stonano quasi con nessuna ricetta, ma i piatti in cui il loro sapore viene esaltato di più sono stufati e arrosti.
  • Cipolle dolci: l’ideale è caramellarle, usarle in ricette agrodolci o per guarnire i piatti. Ottime anche sotto forma di marmellata.
  • Scalogni: della famiglia delle cipolle, si caratterizzano per un sapore più morbido. Varietà multiuso, si sposa benissimo con un molte ricette ma da il meglio di sé caramellata o mangiata cruda, in insalata o in piatti a base di patate.
  • Cipollotti: si possono mangiare crudi in insalata o fare grigliati, arrosto, stufati. Perfetti da gustare anche sotto forma di salse di accompagnamento.

Consigli per non piangere tagliando le cipolle: https://www.agrodolce.it/2015/07/06/trucchi-per-non-piangere-tagliando-le-cipolle/ (chi li ha messi in pratica dice che funzionicchiano…)

E, per finire, gustiamoci questa torta salata.

Tortino di patate e cipolle

Cosa serve

  • Ingredienti per 6 persone:
  • patate a pasta bianca: 800 gr
  • cipolla bianca: 1 grande
  • latte: 250 ml
  • panna: 100 ml facoltativo
  • sale
  • pepe
  • formaggio tipo fontina: 100 gr

Come si fa

Pelate le patate e mettetele in acqua fredda per non farle diventare nere. Con l’aiuto del robot da cucina oppure con una mandolina, affettate le patate a fette sottili e rimettetele in acqua fredda. Scolate le patate e mettetele in una pirofila. Aggiungete la cipolla tagliata a fettine sottili e mescolatele. Aggiungete il latte e la panna, salate e pepate. In ultimo, aggiungete del formaggio tipo fontina a fili.

Scolate le patate e mettetele in una pirofila. Aggiungete la cipolla tagliata a fettine sottili e mescolatele. Aggiungete il latte e la panna, salate e pepate. In ultimo, aggiungete del formaggio tipo fontina a fili. Versate le patate in una pirofila, livellatele e copritele con un foglio di carta alluminio. Infornate le patate in forno caldo a 220 C per 50 minuti circa.

Tortino di patate e cipolle
Tortino di patate e cipolle

Foto: web.

Add a Comment