GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA

Per chi si iscrive al blog c'è un simpatico OMAGGIO: i primi dieci suggerimenti del GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA a cura della redazione della Dispensa delle Storie.

JUNK JOURNAL

Junk journal a tema culinario/letterario (ma non solo…), anche su ordinazione.

Storie piccole

Il tuo bambino ama le favole, ma è stufo di sentirsi raccontare sempre le stesse storie? Ti piacerebbe regalargliene una dove lui è il protagonista insieme al suo piatto preferito? Se la risposta a entrambe le domande è sì, sei atterrata sulla pagina giusta. Contattami iscrivendoti alla newsletter e vedremo insieme cosa si può fare e come.

 

 

Storie d’amore

Vorresti regalare alla tua lei o al tuo lui una raccolta di ricette d’amore ispirata alla vostra storia, con i vostri piatti preferiti, e illustrata da un artista innamorato della vita? Chiedimi come iscrivendoti alla newsletter.

Iscriviti alla newsletter

Melograno: fiore di maggio.

Maggio è il mese in cui il melograno comincia a schiudere i primi boccioli per poi donarci, con la seconda fioritura, i bellissimi frutti che matureranno in autunno.

melograno in fiore
melograno

Il poeta inglese David Herbert Lawrence (1885-1930) amava talmente le atmosfere dei luoghi prediletti da questa pianta da arrivare a dedicarle una poesia.

https://www.britannica.com/biography/D-H-Lawrence

Pomegranate

You tell me I am wrong.
Who are you, who is anybody to tell me I am wrong?
I am not wrong.

In Syracuse, rock left bare by the viciousness of Greek women,
No doubt you have forgotten the pomegranate trees in flower,
Oh so red, and such a lot of them.

Whereas at Venice,
Abhorrent, green, slippery city
Whose Doges were old, and had ancient eyes,
In the dense foliage of the inner garden
Pomegranates like bright green stone,
And barbed, barbed with a crown.
Oh, crown of spiked green metal
Actually growing!

Now, in Tuscany,
Pomegranates to warm your hands at;
And crowns, kingly, generous, tilting crowns
Over the left eyebrow.

And, if you dare, the fissure!

Do you mean to tell me you will see no fissure?
Do you prefer to look on the plain side?

For all that, the setting suns are open.
The end cracks open with the beginning:
Rosy, tender, glittering within the fissure.

Do you mean to tell me there should be no fissure?
No glittering, compact drops of dawn?
Do you mean it is wrong, the gold-filmed skin, integument,
            shown ruptured?

For my part, I prefer my heart to be broken.
It is so lovely, dawn-kaleidoscopic within the crack.

San Gervasio in Tuscany

Siracusa, Venezia, la Toscana; tre luoghi e tre colori per un’unica pianta. Il rosso per la Sicilia, il verde per Venezia e il rosa per la Toscana.

Grati a Madre Natura per questa meraviglia, teniamo da parte per l’autunno questa ricetta facile e gustosa.

Insalata con melagrana e cachi mela

Cosa serve (per 4 persone)

  • 150 g di soncino
  • 100 g di radicchio rosso
  • 1 cachi-mela
  • mezza melagrana
  • 1 mozzarella da 120 g circa
  • 50 g di pistacchi
  • semi di finocchio e di cumino
  • olio extra vergine di oliva
  • sale
  • pepe

Come si fa

Lavate e spezzettate con le mani il radicchio. Raccoglietelo in una ciotola con il soncino, poco olio, un pizzico di sale e mescolate. Tostate i semi di finocchio con il cumino e riduceteli in polvere nel mortaio. Sbriciolate i pistacchi, sempre nel mortaio. Tagliate la melagrana a metà e battete sul dorso con il manico di un cucchiaio di legno per sgranarla più facilmente. Eliminate la parte superiore del cachi-mela e tagliate la polpa a fette non troppo sottili. Assemblate il piatto mettendo sul fondo radicchio e soncino, ricoprite con le fette di cachi-mela e i pezzetti di mozzarella. Aggiungete il mix di spezie, i pistacchi e i chicchi di melagrana. Prima di servire l’insalata con melagrana e cachi-mela, salate, pepate e irrorate con olio extra vergine di oliva.

Foto: web.

Add a Comment