GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA

Per chi si iscrive al blog c'è un simpatico OMAGGIO: i primi dieci suggerimenti del GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA a cura della redazione della Dispensa delle Storie.

JUNK JOURNAL

COMING SOON – Libri d’artista a tema culinario (ma non solo) realizzati con la tecnica del junk journal.

Storie piccole

Il tuo bambino ama le favole, ma è stufo di sentirsi raccontare sempre le stesse storie? Ti piacerebbe regalargliene una dove lui è il protagonista insieme al suo piatto preferito? Se la risposta a entrambe le domande è sì, sei atterrata sulla pagina giusta. Contattami iscrivendoti alla newsletter e vedremo insieme cosa si può fare e come.

 

 

Storie d’amore

Vorresti regalare alla tua lei o al tuo lui una raccolta di ricette d’amore ispirata alla vostra storia, con i vostri piatti preferiti, e illustrata da un artista innamorato della vita? Chiedimi come iscrivendoti alla newsletter.

Iscriviti alla newsletter

Zucca violina: un po’ scomoda come carrozza…

zucca violina
zucca violina

Nessuna fata tramuterebbe mai questa zucca lunga e stretta in una carrozza (semmai in uno strumento musicale…), ma molti cuochi la trasformano in pietanze veramente deliziose. Anche senza bacchetta magica.

La violina è la più dolce tra le zucche. La sua polpa è di colore giallo-arancio, dal sapore gradevolmente dolce con un retrogusto di nocciola fresca. Si conserva per circa un anno ed è estremamente versatile: tortelli, risotto, gnocchi, creme e vellutate. Si può consumare cotta al forno, oppure mescolata ad altre verdure, accompagnata a orzo o farro. Con la zucca si possono fare torte, biscotti, muffin e una marmellata con zucchero (300 gr per 1 kg di zucca), limone succo e buccia, cannella e noce moscata . Inoltre ha il grande vantaggio di essere molto facile da pulire: la sua buccia tenera si elimina facilmente senza farsi male alle mani. Tra l’altro, in rete si trovano dei video che spiegano come si fa. Come questo:

Oggi parliamo di un’insalata che può diventare un piatto unico.

Insalata calda di zucca violina

Cosa serve (per 8 persone)

  • 1 zucca violina grande, tagliata a dadini da 2,5 cm. l’uno
  • 1 barattolo da 398-540 ml. di ceci, scolati, risciacquat e asciugati
  • 10 ml. (2 cucchiaini) di curry delicato in polvere
  • 7 ml. (1 cucchiaino e mezzo) di garam masala
  • 45 ml. (3 cucchiai) di olio extra vergine di oliva
  • sale marino fino e pepe nero appena pestato
  • 250 ml. di yogurt al naturale
  • 30 ml. di succo di limone appena spremuto
  • 750 ml. di quinoa rossa o bianca bollita fatta raffreddare
  • 150 ml. di mirtilli rossi disidratati
  • 125 ml. di foglie di menta fresca pressate e sminuzzate
  • 15 ml. (1 cucchiaio) di scorza d’arancia finemente grattugiata
  • 60 ml. di succo d’arancia appena spremuto
  • 1,5 l. (6 tazze) di foglie di rucola piccola pressate

Come si fa

In una ciotola grande unite la zucca, i ceci, il curry, il garam masala e 2 cucchiaio di olio. Salate e pepate. Distribuite in un solo strato nella placca da forno predisposta. Arrostiteli nel forno preriscaldato per 35-40 minuti, mescolando di tanto in tanto, finché la zucca non sarà diventata tenera e i ceci croccanti. Lasciateli raffreddare nella teglia per 10 minuti.

In una ciotola piccola, unite lo yogurt e 1 cucchiaio di succo di limone.

In una ciotola grande, unite il mix di ingredienti con la zucca e la quinoa. Aggiungete i mirtilli, la menta, la scorza d’arancia, il succo d’arancia, l’olio rimasto, il succo di limone rimasto, rigirando il tutto delicatamente per distribuire bene il condimento. Salate e pepate.

Sistemate la rucola su un vassoio con il bordo o nelle scodelle. Versate sopra delle cucchiaiate del composto con la quinoa. Guarnite con un po’ di composto con lo yogurt e servite il resto di lato.

Questa insalata calda unisce molti sapori tipicamente autunnali a sfumature esotiche. La zucca dolce arrostita, i mirtilli aspri e la quinoa terrosa si armonizzano perfettamente con i ceci speziati all’indiana e allo yogurt agrumato.

insalata calda di quinoa e zucca violina

Add a Comment