GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA

Per chi si iscrive al blog c'è un simpatico OMAGGIO: i primi dieci suggerimenti del GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA a cura della redazione della Dispensa delle Storie.

Storie piccole

Il tuo bambino ama le favole, ma è stufo di sentirsi raccontare sempre le stesse storie? Ti piacerebbe regalargliene una dove lui è protagonista insieme al suo piatto preferito? Se la risposta a entrambe le domande è sì, sei atterrata sulla pagina giusta. Contattami iscrivendoti alla newsletter e vedremo insieme cosa si può fare e come.

 

 

Storie d’amore

Vorresti regalare alla tua lei o al tuo lui una raccolta di ricette d’amore ispirata alla vostra storia, con i vostri piatti preferiti, e illustrata da un artista innamorato della vita? Chiedimi come iscrivendoti alla newsletter.

Iscriviti alla newsletter

Wilson Santinelli: food photographer.

Wilson Santinelli è un fotografo di cibo che lavora a Fano, in provincia di Pesaro e Urbino. In realtà, il food è solo uno degli ambiti in cui spazia ed è quello che maggiormente interessa a noi. In sintesi: è un fotografo commerciale capace di trovare soluzioni comunicative originali. Come dire che a un matrimonio riesce a immortalare sia la cerimonia, che gli sposi che le pietanze (e, magari, anche i fiori…), evidenziando il lato migliore di tutto.

Nella food photography, e non solo, l’occhio reclama la sua parte. E questo Wilson lo ha capito. Senza il benché minimo accenno di supponenza stilistica (se così si può dire…) o autocompiacimento, porge le pietanze al pubblico con naturalezza, evidenziandone la freschezza degli ingredienti e della presentazione.

Foto di Wilmer Santinelli raffigurante una forma di formaggio e delle noci.
formaggio e noci

In questa immagine, ad esempio, si ha la sensazione che le noci tritate volino per poi andare a posarsi sul formaggio in ordine sparso, come un allegro sciame di api. Le tonalità del beige/marrone contribuiscono a ricreare quell’atmosfera autunnale a cui appartiene il frutto dell’albero di noce.

vol-au-vent ai frutti di bosco  - foto di Wilson Santinelli.
vol-au-vent ai frutti di bosco

Che dire di questi vol-au-vent ripieni di soffice crema alla ricotta? Non viene forse voglia di tuffarsi nel contenitore della crema? Sì? Beh, allora mettiamoci al lavoro. E niente pasta sfoglia surgelata!

Vol-au-vent con crema di ricotta e frutti di bosco

Cosa serve

Per la sfoglia

  • 275 g di farina
  • 1 noce di burro
  • un pizzico di sale
  • 130 ml di acqua fredda

Per spennellare

  • latte

Per la crema di ricotta

  •  200 g di ricotta
  • 120 g di zucchero a velo
  • 100 g di cioccolato tritato
  • 40 g di granella di mandorle

Per guarnire

  • frutti di bosco a piacere

Come si fa

Schiacciate il burro per la sfogliatura aiutandovi con la carta forno e tenetelo da parte. Su una spianatoia, mettete la farina a fontana  e nel centro un pizzico di sale, l’acqua fredda e una noce di burro. Impastate bene il tutto. Stendete la pasta e copritela con il burro morbido. A questo punto procedete come  per la  pasta sfoglia, ripiegate  la pasta  a libro e stendetela.

Copritela con  la pellicola alimentare e mettetela in frigo per 30′. Trascorso il tempo, riprendetela e rifate lo stesso procedimento, rimettendola di nuovo in frigo per altri 30 ‘ e ripetete poi ancora una volta la sfogliatura. Quando lo avrete fatto per tre volte, lasciatela riposare in frigo 40’ e poi procedete a preparare i vol-au-vent. Stendete la pasta  alta 1 cm e ricavatene tanti fiori con un stampino. Con un tondino più piccolo, incidete un cerchio nel centro, questo vi servirà dopo la cottura per creare una cavità. Adagiateli su una teglia da forno ricoperta da carta forno, spennellateli con il latte  e infornate a 150 ° per circa 20′. Intanto preparate la crema di ricotta, mescolando lo zucchero con la ricotta e successivamente aggiungete il cioccolato e le mandorle (se vi piacciono).

Sfornati i vol-au-vent, con un coltellino incidete il tondino ed estraeteli. Fateli raffreddare e riempiteli con la crema di ricotta.

Prima di spazzolarli tutti, ricordatevi di scattare qualche foto e mandatela a Wilson.

Foto: tratte dal sito dell’artista wilsonsantinelli.com

Add a Comment