GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA

Per chi si iscrive al blog c'è un simpatico OMAGGIO: i primi dieci suggerimenti del GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA a cura della redazione della Dispensa delle Storie.

JUNK JOURNAL

COMING SOON – Libri d’artista a tema culinario (ma non solo) realizzati con la tecnica del junk journal.

Storie piccole

Il tuo bambino ama le favole, ma è stufo di sentirsi raccontare sempre le stesse storie? Ti piacerebbe regalargliene una dove lui è il protagonista insieme al suo piatto preferito? Se la risposta a entrambe le domande è sì, sei atterrata sulla pagina giusta. Contattami iscrivendoti alla newsletter e vedremo insieme cosa si può fare e come.

 

 

Storie d’amore

Vorresti regalare alla tua lei o al tuo lui una raccolta di ricette d’amore ispirata alla vostra storia, con i vostri piatti preferiti, e illustrata da un artista innamorato della vita? Chiedimi come iscrivendoti alla newsletter.

Iscriviti alla newsletter

Aldo Fabrizi: la poesia del mangiare.

Aldo Fabrizi rimane indimenticato come attore sia comico che drammatico, pur avendoci lasciati ormai da trent’anni. Il 2 aprile 1990, infatti, moriva questo grande uomo di spettacolo, definito dai critici americani “a comic genius“.

Nacque a Roma nel 1905 al numero 10 del Vicolo delle grotte, a Campo de’ Fiori, dove la madre aveva una bancarella e dove in qualche modo si formò anche artisticamente, osservando quello che vedeva fare e dire ai venditori.

Nel 1928 Fabrizi pubblicò un volumetto di poesie romanesche dal titolo “Lucciche ar sole” e iniziò ad avvicinarsi al teatro fino agli esordi come macchiettista nel 1931. I suoi personaggi erano quelli del “popolino romano”, ritratti di borgata: dal vetturino al conducente di tram fino al postino e allo sciatore.

Alla passione per il cinema alternò quella per la cucina. Memorabili le sue gag sulla pasta e le diverse poesie scritte in dialetto romanesco dedicate ai piatti della tradizione. Quando morì nel 1990 fu sepolto al cimitero monumentale del Verano. Aveva 84 anni e l’epitaffio commemorativo recita: “Tolto da questo mondo troppo al dente“. 

Aldo e la pasta

Pasta alla capricciosella di Aldo Fabrizi

Provate a fa’ ‘sto sugo, ch’è un poema:
piselli freschi, oppure surgelati,
calamaretti, funghi “cortivati”,
così magnate senz’avé patema.

Pe’ fa’ li calamari c’è un sistema:
se metteno a pezzetti martajati
nell’ajo e l’ojo e bene rosolati,
so’ teneri che pareno ‘na crema.

Appresso svaporate un po’ de vino;
poi pommidoro, funghi e pisellini
insaporiti cor peperoncino.

Formaggio gnente, a la maniera antica,
fatece bavettine o spaghettini…
Bòn appetito e Dio ve benedica!

Questa è la ricetta in versi della pasta alla capricciosella. Dopo averla letta, è un piacere sentirla declamare da Michele La Ginestra.

https://www.la7.it/cuochi-e-fiamme/video/pasta-alla-capricciosella-recita-michele-la-ginestra-17-10-2014-138655

pasta alla capricciosella di Aldo Fabrizi
pasta alla capricciosella

Per quanto riguarda la descrizione dettagliata della ricetta, potete fare riferimento al blog di questo avvocato italo americano appassionato delle prelibatezze di sua nonna Angelina https://memoriediangelina.com/2013/03/10/pasta-alla-capricciosella-pasta-with-squid-mushrooms-and-peas/

Foto: web.

Add a Comment