GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA

Per chi si iscrive al blog c'è un simpatico OMAGGIO: i primi dieci suggerimenti del GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA a cura della redazione della Dispensa delle Storie.

Storie piccole

Il tuo bambino ama le favole, ma è stufo di sentirsi raccontare sempre le stesse storie? Ti piacerebbe regalargliene una dove lui è protagonista insieme al suo piatto preferito? Se la risposta a entrambe le domande è sì, sei atterrata sulla pagina giusta. Contattami iscrivendoti alla newsletter e vedremo insieme cosa si può fare e come.

 

 

Storie d’amore

Vorresti regalare alla tua lei o al tuo lui una raccolta di ricette d’amore ispirata alla vostra storia, con i vostri piatti preferiti, e illustrata da un artista innamorato della vita? Chiedimi come iscrivendoti alla newsletter.

Iscriviti alla newsletter

La trippa d’uovo della mamma di Simonetta

La trippa d’uovo è una banale frittata condita e presentata in modo alternativo. Ce ne parla la scrittrice siciliana residente a Londra Simonetta Agnello Hornby (http://agnellohornby.feltrinellieditore.it/) nel suo libro autobiografico Un filo d’olio (2011).

Piatto di trippa d'uova, con pomdoro e basilico.
trippa d’uovo

Da anni desideravo trascrivere le ricette dei dolci di nonna Maria, annotate da lei in un quadernetto con le pagine numerate e corredato di indice, un libro vero e proprio. […] L’idea era quella di far rivivere la cultura della tavola di casa nostra attraverso le sue ricette, fotografie d’epoca e alcune pagine “narrative” per le quali avrei attinto ai nostri ricordi e ai racconti di mamma.

Durante la lavorazione, il libro cambiò pelle. Ai dolci Simonetta aggiunse, con la collaborazione della sorella Chiara, le ricette dei cibi che si mangiavano nella casa di campagna della loro famiglia in cui trascorrevano l’estate. E dalle pagine del ricettario familiare riaffiora tutto un mondo perduto di personaggi, atmosfere e sensazioni, in una grande casa padronale di metà Novecento.

Nel periodo estivo, la dieta degli Agnello era molto diversa da quella cittadina. “In campagna mangiamo quello che si produce. Come i contadini”. Questa era la filosofia di papà Agnello. Quindi, frutta, ortaggi, uova, pollame e latticini di pecora. E, soprattutto, pane fatto in casa secondo un rito tramandato di madre in figlia.

Tra le righe di questo libro traspare l’amore di Simonetta per la cucina, amore trasmessole dalla madre. Ancora oggi, queste ricette fanno parte delle sue abitudini alimentari, ricche di verdure e ortaggi sempre di stagione. Naturalmente, l’unico grasso da lei utilizzato in cucina è l’olio d’oliva prodotto nell’azienda agricola di famiglia.

La ricetta che vi propongo oggi è economica e di facile esecuzione.

Trippa d’uovo

Cosa serve (per 4 persone)

  • 4 uova
  • 2 cucchiai di formaggio grattugiato
  • 1 cucchiaio di pangrattato
  • 4 cucchiai di salsa di pomodoro
  • 2 cucchiai di olio d’oliva
  • qualche foglia di basilico per decorazione
  • sale e pepe q.b.

Come si fa

Sbattere le uova, condirle, aggiungere il formaggio grattugiato e il pangrattato. Passare un velo di olio in una padella antiaderente e cuocervi delle frittate sottili. Quando sono pronte, tagliarle a listarelle larghe circa 2 cm., condirle con qualche cucchiaiata di salsa, mescolarle con molta delicatezza e metterne un mucchietto al centro dei singoli piatti. Versarvi sopra un po’ di salsa, un po’ di parmigiano grattugiato e decorare con una fogliolina di basilico.

Add a Comment