GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA

Per chi si iscrive al blog c'è un simpatico OMAGGIO: i primi dieci suggerimenti del GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA a cura della redazione della Dispensa delle Storie.

JUNK JOURNAL

Junk journal a tema culinario/letterario (ma non solo…), anche su ordinazione.

Storie piccole

Il tuo bambino ama le favole, ma è stufo di sentirsi raccontare sempre le stesse storie? Ti piacerebbe regalargliene una dove lui è il protagonista insieme al suo piatto preferito? Se la risposta a entrambe le domande è sì, sei atterrata sulla pagina giusta. Contattami iscrivendoti alla newsletter e vedremo insieme cosa si può fare e come.

 

 

Storie d’amore

Vorresti regalare alla tua lei o al tuo lui una raccolta di ricette d’amore ispirata alla vostra storia, con i vostri piatti preferiti, e illustrata da un artista innamorato della vita? Chiedimi come iscrivendoti alla newsletter.

Iscriviti alla newsletter

Junk food e Rinascimento: c’è un legame?

Rebecca Rütten, il junk food diventa quadro rinascimentale

Junk food e Rinascimento: c’è un legame, anche se non sembra. La fotografa tedesca Rebecca Rütten http://www.rebeccaruetten.com ha reinterpretato i classici della pittura del tardo Rinascimento utilizzando i prodotti venduti dai fast food americani.

Big Mac, alette di pollo fritte e pizze assurgono a forme d’arte nella serie di fotografie Contemporary Pieces.

Come ci ricorda l’artista, “nel tardo Rinascimento i pittori olandesi e italiani presero in esame la classe media e le classi sociali più basse. Secondo me la cultura del fast food rappresenta le stesse classi al giorno d’oggi, negli USA; mangiare sano è troppo costoso, ma al tempo stesso possiamo comprare grandi quantità di cibo nei fast food a un prezzo enormemente minore”.

Il modo scelto dalla Rütten per parlare del junk food (cibo spazzatura), è stato quello di ricreare le riproduzioni fotografiche di quadri di quel periodo storico. Le stesse pose dei dipinti dell’epoca con l’aggiunta di hot dog, noodles o pizza.

Le opere, cinque ritratti e cinque nature morte 50×70 cm, sono state realizzate aggiungendo ai soggetti e ai cibi oggetti di uso comune.

Anche noi, come Rebecca, preferiamo evitare il junk food e, quando si tratta di pizza, abbiamo solo l’imbarazzo della scelta tra tante varianti da realizzare in casa con ingredienti di qualità. Come la

Pizza di scarola alla napoletana

Cosa serve

  • Pasta di pane 500 g
  • Strutto 100 g
  • Scarola 800 g
  • Pinoli 1 cucchiaio
  • Uva passa 1 cucchiaio
  • Capperi 1 cucchiaio
  • Acciughe 100 g
  • Olive 100 g
  • Olio extravergine d’oliva 1 dl
  • Sale q.b.

Come si fa

Fate ammollare l’uva sultanina in una ciotola di acqua tiepida, quindi snocciolate le olive e dissalate i capperi. Lavorate la pasta da pane con lo strutto e un pizzico di sale.

Mondate la scarola scartando le foglie esterne, lavatela e scottatela in acqua bollente salata per pochi minuti, quindi sgocciolatela e strizzatela per bene.

Versate 4 cucchiai d’olio in un tegame, unitevi le acciughe spezzettate, le olive, i pinoli, i capperi e rosolate il tutto a fuoco basso, finché le acciughe saranno disfatte. Aggiungete quindi la scarola e cuocetela, a fuoco basso, per circa 10 minuti.

Dividete la pasta in due parti, una maggiore dell’altra, e stendete la più grande a coprire fondo e bordi di una teglia unta del diametro di 20 cm.

Bagnate con l’olio rimasto la pizza, poi distribuitevi la scarola e l’uva passa strizzata, lasciando riposare per circa 15 minuti.

Ricoprite la farcitura con il secondo disco di pasta e cuocete la pizza nel forno a 220 °C per circa 30 minuti. Sfornate e servite.

Pizza di scarola
Pizza di scarola

Foto: web.

Add a Comment