GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA

Per chi si iscrive al blog c'è un simpatico OMAGGIO: i primi dieci suggerimenti del GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA a cura della redazione della Dispensa delle Storie.

JUNK JOURNAL

Junk journal a tema culinario/letterario (ma non solo…), anche su ordinazione.

Storie piccole

Il tuo bambino ama le favole, ma è stufo di sentirsi raccontare sempre le stesse storie? Ti piacerebbe regalargliene una dove lui è il protagonista insieme al suo piatto preferito? Se la risposta a entrambe le domande è sì, sei atterrata sulla pagina giusta. Contattami iscrivendoti alla newsletter e vedremo insieme cosa si può fare e come.

 

 

Storie d’amore

Vorresti regalare alla tua lei o al tuo lui una raccolta di ricette d’amore ispirata alla vostra storia, con i vostri piatti preferiti, e illustrata da un artista innamorato della vita? Chiedimi come iscrivendoti alla newsletter.

Iscriviti alla newsletter

Caffè nero bollente, come quello della canzone.

Carta dei tarocchi Food Fortunes chiamata The Express. Raffigura una tazzina di caffè.
The Express

Un caffè nero e bollente ha sempre un effetto corroborante, soprattutto durante la stagione fredda. Oggi, le carte dei tarocchi Food Fortunes ci spronano a parlare di questa bevanda con The Express, un’altra coloratissima carta che ci trasmette energia e voglia di uscire. Ma non prima di aver bevuto una tazzina di caffè preparato con la moka di casa seguendo qualche piccola regola:

  1. Utilizzare solo caffè di qualità.
  2. Usare acqua fresca e leggera. Acque ricche di calcare o dure influiscono negativamente sul sapore.
  3. Non pressare la polvere dentro la caffettiera.
  4. Una volta messa la caffettiera sul fuoco, il coperchio va tenuto alzato in modo da evitare che la condensa del vapore precipiti nel raccoglitore, bruciando o alterando il gusto del caffè.
  5. Togliere la caffettiera dal fuoco qualche istante prima che termini l’erogazione. La bevanda non deve mai arrivare a bollire.
  6. Pulire la caffettiera dopo ogni utilizzo lavandola con acqua bollente. La pulizia del filtro va fatta con molta attenzione, aiutandosi con uno spazzolino e risciacquando con acqua.
  7. Riciclare i fondi in tanti modi https://www.caffeaiello.it/lifestyle/5-consigli-su-come-utilizzare-i-fondi-di-caffe/?v=cd32106bcb6d

Per i golosoni senza vergogna, in frigo c’è una fantastica cheesecake al caffè.

Torta al caffè e cioccolato

Cosa serve

  • per la base
  • 350 g di biscotti secchi
  • 150 g di burro
  • 2 tazzine di caffè
  • per la farcitura
  • 500 g di yogurt bianco magro
  • 150 g di formaggio cremoso
  • 80 g di zucchero a velo
  • 12 fogli di colla di pesce
  • 200 ml di caffè
  • 250 ml di panna fresca da montare
  • per la copertura
  • 180 g di cioccolato fondente
  • q.b. di nocciole per decorare
  • 2 noci di burro

Come si fa

  1. Per prima cosa, tritate i biscotti fino a ridurli in farina, poi metteteli in una ciotola. Versatevi il caffè, mescolate, aggiungete il burro fuso e amalgamate. Prendete uno stampo a cerniera, foderatelo con carta forno e adagiatevi i biscotti pressando leggermente con le mani. Ponete in frigo a riposare.
  2. Nel frattempo, occupatevi della farcitura. Mettete i fogli di colla di pesce in una ciotolina con acqua fredda, per almeno 10 minuti. Versate lo yogurt e il formaggio in una capiente ciotola, aggiungete lo zucchero a velo e mescolate bene. Versate il caffè e amalgamate tutto.
  3. Montate la panna, tenendo da parte 50 ml, e inseritela nella ciotola un po’ alla volta, mescolando dal basso verso l’altro per evitare che si smonti. Scaldate la panna avanzata in un pentolino e aggiungete i fogli di colla di pesce ben strizzati e girate fino a che si formerà la gelatina, che dovete poi unire alla crema di yogurt.
  4. Estraete la base dal frigo e versatevi il composto, livellando con la spatola; quindi, ponete in frigo.
  5. Fate fondere il cioccolato fondente a bagnomaria con un paio di noci di burro e versatelo sulla torta cercando di livellare. Aggiungete qualche nocciola a decorazione e tenete in frigo per almeno 3 ore prima di servire.

Add a Comment