GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA

Per chi si iscrive al blog c'è un simpatico OMAGGIO: i primi dieci suggerimenti del GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA a cura della redazione della Dispensa delle Storie.

Storie piccole

Il tuo bambino ama le favole, ma è stufo di sentirsi raccontare sempre le stesse storie? Ti piacerebbe regalargliene una dove lui è protagonista insieme al suo piatto preferito? Se la risposta a entrambe le domande è sì, sei atterrata sulla pagina giusta. Contattami iscrivendoti alla newsletter e vedremo insieme cosa si può fare e come.

 

 

Storie d’amore

Vorresti regalare alla tua lei o al tuo lui una raccolta di ricette d’amore ispirata alla vostra storia, con i vostri piatti preferiti, e illustrata da un artista innamorato della vita? Chiedimi come iscrivendoti alla newsletter.

Iscriviti alla newsletter

Il food photographer: chi è costui?

Il food photographer, come sappiamo, è un fotografo specializzato nella fotografia di alimenti. Negli ultimi dieci anni questa tipologia di foto ha allargato notevolmente la propria popolarità, sia tra i professionisti che tra i dilettanti. Con la diffusione dell’utilizzo degli smartphone e dei social network, la moda di condividere le immagini di ciò che si mangia è dilagata. Insomma: anche con il cibo e una fotocamera possiamo raccontare storie. E’ fondamentale non essere mai banali, in modo da catturare istantaneamente l’attenzione di chi guarda. Come in questa immagine di Natalia Lisovskaya.

Foto di un piatto di sushi scattata da Natalia Lisovskaya, food photographer russa.
Natalia Lisovskaya

Come in pittura, anche nella fotografia di cibo è fondamentale l’equilibrio di luce, colore e composizione. La luce migliore, contrariamente al genere affine dello still life, è quella naturale. Un bravo food photographer affiancherà colori complementari tra loro o sfumature di colore e darà atmosfera all’immagine. Per il colore dello sfondo sceglierà colori tenui e non invadenti.

Naturalmente, anche il cibo svolge un ruolo fondamentale. Il modo in cui sarà cucinato e disposto sul piatto dovrà dare un risultato armonioso e gradevole. Pertanto, il cibo deve mantenere un aspetto veramente freschissimo: toglierlo dal fuoco poco prima di completare la cottura sarà molto utile.

E’ superfluo ricordare che le foto dovranno essere scattate molto velocemente. Altrimenti si dovrà ricorrere a tutta una serie di trucchetti per far sembrare freschi gli alimenti (vaporizzare d’acqua le insalate o spennellare la carne con olio, ecc.).

Ormai, è chiaro che per diventare dei bravi food photographer bisogna uscire dalla dispensa e impadronirsi della tecnica: studiare tanto e fotografare tanto. Osservare le foto dei “grandi” per arrivare a crearsi un proprio stile unico e riconoscibile. Eccovi alcuni esempi da cui trarre ispirazione:

http://www.myfoodphotography.it/

https://fstoppers.com/food/food-photography-it-not-just-about-food-127166

Per coloro che avessero voglia di guardare anche qualche tutorial, in rete ce ne sono davvero tantissimi.

Add a Comment