GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA

Per chi si iscrive al blog c'è un simpatico OMAGGIO: i primi dieci suggerimenti del GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA a cura della redazione della Dispensa delle Storie.

JUNK JOURNAL

Junk journal a tema culinario/letterario (ma non solo…), anche su ordinazione.

Storie piccole

Il tuo bambino ama le favole, ma è stufo di sentirsi raccontare sempre le stesse storie? Ti piacerebbe regalargliene una dove lui è il protagonista insieme al suo piatto preferito? Se la risposta a entrambe le domande è sì, sei atterrata sulla pagina giusta. Contattami iscrivendoti alla newsletter e vedremo insieme cosa si può fare e come.

 

 

Storie d’amore

Vorresti regalare alla tua lei o al tuo lui una raccolta di ricette d’amore ispirata alla vostra storia, con i vostri piatti preferiti, e illustrata da un artista innamorato della vita? Chiedimi come iscrivendoti alla newsletter.

Iscriviti alla newsletter

Fico d’India o ficodindia?

Oggi parliamo del fico d’India, il cui frutto è buono da mangiare, ma pieno di spine e apparentemente intoccabile, così come la gente siciliana dall’aspetto ispido in superficie, ma che una volta rotto il ghiaccio è tutt’altra cosa. Come ci spiega questa poesia di Salvatore Correo.

Foto di una pianta di fico d'India accanto a un muro a secco.
Fico d’India

La Ficurinnia

Crisci ‘nta la Sicilia, Amata e cara,

un fruttu ch’avi ‘na ducizza rara,

ma l’ha tuccari cu’ pricauzioni

picchì spini nn’havi a milioni.

Me figghiu m’addumanna: “Ma picchì

La natura è fatta d’accussi?

Un fruttu tantu bonu di mangiari

È chinu ‘i spini ca nun si po’ tuccari.

“La Ficurinnia”, ci rispunnivi iu,

“la fici d’accussì Domini Diu,

pi ‘nsignari a tutta la so genti

ca i cosi belli nun su’ fatica ‘i nenti.

‘U fattu, poi, ca scelsi la Sicilia

Lu fici di prupositu, pi mia,

picchì ‘stu fruttu è l’unicu, fra tanti,

ca po’ rapprisintari ‘st’abitanti.

E’ fattu comu ‘a genti siciliana,

ca all’apparenza pari assai luntana,

ma s’arrinesci a junciri ‘o so’ cori

lu vidi quantu amuri sapi dari”.

Chi ha la possibilità di raccogliere il fico d’India nelle zone dove cresce spontaneo lo consuma fresco: il frutto va tenuto in acqua ghiacciata per neutralizzare le spine, poi si tolgono le due estremità, si taglia la buccia per tutta la lunghezza, infine si tirano i lembi con le dita, aprendoli. A questo punto è pronto per diventare uno degli ingredienti del piatto di oggi che, almeno con il sapore, crea un’atmosfera di fine estate in Sicilia.

Insalata di arance e fico d’India

Cosa serve (per 4 persone)

  • pepe q.b.
  • cannella q.b.
  • sale q.b.
  • olio evo q.b.
  • 50 gr di olive nere
  • 1 limone
  • 4 coste di sedano
  • 100 gr di caciocavallo
  • 1 arancia
  • 3 fichi d’india
  • 50 gr di songino

Come si fa

Prendi la cannella e spezzettala. Ponila in una ciotola, coprila di olio e ponila in un luogo al caldo per circa 2 ore. Prendi un pelapatate e taglia i nastri nelle costole di sedano. Prendi una ciotola con acqua fredda e poni le costole di sedano all’interno fino al momento di utilizzarli.

1) Sbuccia l’arancia eliminando anche la parte bianca. Sbuccia i fichi d’India tagliandoli a spicchi piccoli. Lava il songino e asciugalo delicatamente. Scola il sedano e mescolalo con l’insalata.

2) Prendi una grande insalatiera e versa all’interno tutti i prodotti. Taglia il caciocavallo a listarelle di circa 1 cm ed aggiungilo all’insalata assieme alle olive.

3) Grattugia una scorza di limone e in una ciotola a parte versa il succo di mezzo limone, un po’ di sale, un po’ di pepe, l’olio profumato alla cannella e mescola. Versa nell’insalatiera il condimento e servi.

Se desideri un buon vino da abbinare a questo piatto https://www.itinerarinelgusto.it/info/vini-siciliani/it

Add a Comment