GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA

Per chi si iscrive al blog c'è un simpatico OMAGGIO: i primi dieci suggerimenti del GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA a cura della redazione della Dispensa delle Storie.

JUNK JOURNAL

Junk journal a tema culinario/letterario (ma non solo…), anche su ordinazione.

Storie piccole

Il tuo bambino ama le favole, ma è stufo di sentirsi raccontare sempre le stesse storie? Ti piacerebbe regalargliene una dove lui è il protagonista insieme al suo piatto preferito? Se la risposta a entrambe le domande è sì, sei atterrata sulla pagina giusta. Contattami iscrivendoti alla newsletter e vedremo insieme cosa si può fare e come.

 

 

Storie d’amore

Vorresti regalare alla tua lei o al tuo lui una raccolta di ricette d’amore ispirata alla vostra storia, con i vostri piatti preferiti, e illustrata da un artista innamorato della vita? Chiedimi come iscrivendoti alla newsletter.

Iscriviti alla newsletter

L’autunno, Praga e lo gnocco ripieno

L’autunno non arriva mai solo. Infatti, ad accompagnarlo sono spesso la città di Praga e lo gnocco ripieno nelle sue diverse declinazioni.

Praga in autunno
Praga in autunno

Negli anni, ho notato che in autunno molte persone vengono colte dal desiderio irrefrenabile di visitare Praga, gustare piatti tipici e leggere Kafka. Sarà la stagione? Sarà la birra ceca, da alcuni considerata la migliore al mondo? Forse. L’autunno, Praga e lo gnocco ripieno sono anche questo. Fatto sta che i quartieri del centro storico di questa magica città inducono a un certo tipo di riflessioni, complici i gustosissimi (e altrettanto pesanti) menu dei ristoranti e, mi si dice, del buon “fumo” che fa digerire.

Certo, quando nonostante tutto non si digerisce, è meglio prenderla con filosofia. «La sera», confessava Kafka, «ero triste perché avevo mangiato delle acciughe. Il mattino il medico mi confortò. Perché essere triste? Dopo tutto ho mangiato le acciughe, ma le acciughe non hanno mangiato me».

Come sappiamo, Kafka era ebreo.  E, secondo l’ebraismo, tutto si trasforma (anche le acciughe), tutto può essere manipolato con la conoscenza e l’immaginazione. Lo sapeva bene anche Kafka, che a Praga scriveva Le Metamorfosi http://www.scuolafilosofica.com/4847/la-metamorfosi-kafka-f . Ma qualcosa (forse lo spirito del grande letterato) mi dice che il luogo dove mettere meglio in opera l’ingegno della chimica, la pazienza dell’attesa e la follia creativa sia, sopra tutti, la cucina.

E la cucina ceca è un mix di chimica e genio creativo, essendo un crogiolo di culture culinarie dell’Est europeo. Per prendere confidenza con la gastronomia ceca si consiglia di partire dal trio gnocchi ripieni-crauti stufati-maiale arrosto. Per poi passare alle altre carni, al pesce, alle minestre e alle salse. A tal proposito, oggi parliamo di

Gnocchi di susine

Cosa serve

  • 250 gr di patate lesse
  • 250 gr di ricotta
  • 250 gr di farina grossa
  • 1 uovo
  • susine
  • sale

Come si fa

Dopo averle fatte raffreddare, pelate e grattate le patate lesse. Aggiungete la ricotta, setacciata o ridotta in poltiglia; quindi la farina e un pizzico di sale. Lavorate fino a ottenere una pasta morbida con la quale plasmerete un cilindro che poi taglierete a pezzi. Con ogni singolo pezzo create un cerchio piatto in modo che possa contenere una susina. Alzate i bordi del cerchio facendone una sorta di contenitore chiuso per la susina. Mettete a cuocere gli gnocchi ottenuti in abbondante acqua bollente leggermente salata. Cuocete per 10 minuti, trascorsi i quali assaggiate uno gnocco per verificare che sia ben cotto anche all’interno. A cottura ultimata, servite gli gnocchi cosparsi di semi di papavero macinati fini, zucchero a velo e burro fuso ancora caldo.

Gnocchi di susine alla maniera ceca.
gnocchi di susine

Per finire: se in autunno andate a Praga e mangiate lo gnocco ripieno scordatevi il colesterolo!

Foto: web.

Add a Comment