GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA

Per chi si iscrive al blog c'è un simpatico OMAGGIO: i primi dieci suggerimenti del GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA a cura della redazione della Dispensa delle Storie.

JUNK JOURNAL

COMING SOON – Libri d’artista a tema culinario (ma non solo) realizzati con la tecnica del junk journal.

Storie piccole

Il tuo bambino ama le favole, ma è stufo di sentirsi raccontare sempre le stesse storie? Ti piacerebbe regalargliene una dove lui è il protagonista insieme al suo piatto preferito? Se la risposta a entrambe le domande è sì, sei atterrata sulla pagina giusta. Contattami iscrivendoti alla newsletter e vedremo insieme cosa si può fare e come.

 

 

Storie d’amore

Vorresti regalare alla tua lei o al tuo lui una raccolta di ricette d’amore ispirata alla vostra storia, con i vostri piatti preferiti, e illustrata da un artista innamorato della vita? Chiedimi come iscrivendoti alla newsletter.

Iscriviti alla newsletter

THE SPLIT, ovvero: il senso della banana.

THE SPLIT è la carta dei tarocchi Food Fortunes nella foto.
The Split

THE SPLIT. La carta estratta oggi dal mazzo dei tarocchi Food Fortunes ci riporta indietro negli anni, al tempo in cui nelle gelaterie artigianali furoreggiava la “banana split”. Se non sbaglio, erano gli anni Ottanta e i gelati erano molto più buoni (questo me lo ricordo bene).

Un po’ di storia

La banana split è nata negli USA, a Boston, MA, più di un secolo fa dal genio di un venditore ambulante che ebbe l’idea di servire una banana non sbucciata divisa in due nel senso della lunghezza e ricoperta di gelato al cioccolato. In seguito, David Strickler, uno studente che lavorava nel bar di famiglia a Latrobe, PA pensò bene di sbucciare la banana perfezionando così l’invenzione originale. La sua versione della banana split prevedeva tre palline di gelato ricoperte di marshmallows. Sì, lo so, fa strano… Però c’erano anche fettine di ananas, noci tritate, amarene sciroppate e quello che oggi chiamiamo topping (una salsa dolce all’amarena o al cioccolato). Il buon David pensò anche a disegnare e far produrre un apposito piatto, chiamato “barchetta” per la sua forma, adatto a servire la banana split nel migliore dei modi. Correva l’anno 1904.

La storia, però, è controversa. Infatti, gli abitanti di Wilmington, OH rivendicano la paternità dell’invenzione tanto che ogni anno celebrano il Banana Split Festival e invitano tutti i partecipanti a proporre una loro originale versione di questo gelato. https://bananasplitfest.com

Quest’anno, il festival si terrà dal 23 al 25 agosto. Quindi, se non sapete ancora dove andare in vacanza, l’Ohio vi aspetta.

Il gelato è italiano

Senza mai dimenticare che il gelato è “cosa nostra” (ne abbiamo già parlato qui https://ladispensadellestorie.com/2019/05/13/the-italian-il-gelato-e-italiano/ ), torniamo a noi che, non essendo proprio dei patiti dei marshmallows, preferiamo orientarci verso una versione della ricetta originale un po’ più vicina al gusto italiano, a cui abbinare anche un buon vino.

https://winedharma.com/it/dharmag/settembre-2015/banana-split-la-ricetta-perfetta-con-ingredienti-dosi-e-un-grande-vino-abbina

Per chi volesse leggere tutta la storia della banana split raccontata da chi la conosce.

Add a Comment