GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA

Per chi si iscrive al blog c'è un simpatico OMAGGIO: i primi dieci suggerimenti del GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA a cura della redazione della Dispensa delle Storie.

JUNK JOURNAL

Junk journal a tema culinario/letterario (ma non solo…), anche su ordinazione.

Storie piccole

Il tuo bambino ama le favole, ma è stufo di sentirsi raccontare sempre le stesse storie? Ti piacerebbe regalargliene una dove lui è il protagonista insieme al suo piatto preferito? Se la risposta a entrambe le domande è sì, sei atterrata sulla pagina giusta. Contattami iscrivendoti alla newsletter e vedremo insieme cosa si può fare e come.

 

 

Storie d’amore

Vorresti regalare alla tua lei o al tuo lui una raccolta di ricette d’amore ispirata alla vostra storia, con i vostri piatti preferiti, e illustrata da un artista innamorato della vita? Chiedimi come iscrivendoti alla newsletter.

Iscriviti alla newsletter

Ortiche e calendula, e anche un po’ di stracchino.

Quante volte abbiamo visto ortiche e calendula durante le nostre passeggiate? Innumerevoli, solo che non ci abbiamo mai fatto troppo caso. Invece, sia l’ortica che la calendula sono erbe spontanee dotate di molte proprietà, sia terapeutiche che cosmetiche. Per non parlare di quelle culinarie… O, magari, sì.

L’ortica gode da sempre di una brutta fama: pensiamo all’espressione “gettare alle ortiche” ad esempio, utilizzata parlando di un’occasione malamente perduta. Noi, però, non ci lasciamo influenzare e guardiamo agli usi di questa piantina che cresce spontaneamente nei luoghi abbandonati o poco frequentati e non è affatto da buttare. Anzi, ha una quantità di impieghi. https://www.cure-naturali.it/enciclopedia-naturale/rimedi-naturali/erboristeria/ortica.html#proprieta

La calendula deve il suo nome al termine latino “calendae” per indicare che in ogni mese dell’anno, a seconda delle condizioni climatiche, può fiorire, dalla primavera all’autunno inoltrato e anche in inverno. I suoi fiori sbocciano al sorgere del sole e ne seguono il movimento, rivolgendosi da est verso ovest; al tramonto, invece, si chiudono, trattenendone tutto il calore.  Secondo una leggenda greca, quando Afrodite venne privata dell’amore di Adone per volontà di Zeus, scoppiò in lacrime e pianse a lungo. Quando le sue lacrime sacre toccavano terra si trasformavano in fiori: fiori di calendula. Per questa ragione, nella mitologia greca le sofferenze e le pene d’amore si rappresentavano con l’immagine di una donna giovane che indossava una ghirlanda di calendule.

Per gli usi terapeutici della calendula: https://www.lifegate.it/persone/stile-di-vita/calendula

Ora torniamo a noi, amanti del raccontare storie culinarie, con una ricetta facile e gustosa tratta da https://sillaepepe.it/

Risotto alle ortiche, stracchino e fiori di calendula

Cosa serve (per 2 persone)

  • 180 grammi di riso Vialone Nano
  • 300 grammi di ortiche
  • formaggio stracchino q.b.
  • fiori di calendula

Come si fa

Lavate le ortiche (naturalmente con i guanti…). Cuocetele in acqua bollente per qualche minuto. Frullate le ortiche con un mestolo di acqua di cottura fino a ottenere una crema omogenea. Nel frattempo cuocete il riso. Quando mancano pochi minuti al termine della cottura del riso, versate il composto di ortiche. Aggiungete anche lo stracchino e mescolate fino al completamento della cottura. A fuoco spento, mantecate con una noce di burro e del parmigiano grattugiato.
Cospargete il risotto con petali di calendula freschi.

risotto alle ortiche stracchino e fiori di calendula
Risotto alle ortiche, stracchino e calendula.

Add a Comment