GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA

Per chi si iscrive al blog c'è un simpatico OMAGGIO: i primi dieci suggerimenti del GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA a cura della redazione della Dispensa delle Storie.

JUNK JOURNAL

Junk journal a tema culinario/letterario (ma non solo…), anche su ordinazione.

Storie piccole

Il tuo bambino ama le favole, ma è stufo di sentirsi raccontare sempre le stesse storie? Ti piacerebbe regalargliene una dove lui è il protagonista insieme al suo piatto preferito? Se la risposta a entrambe le domande è sì, sei atterrata sulla pagina giusta. Contattami iscrivendoti alla newsletter e vedremo insieme cosa si può fare e come.

 

 

Storie d’amore

Vorresti regalare alla tua lei o al tuo lui una raccolta di ricette d’amore ispirata alla vostra storia, con i vostri piatti preferiti, e illustrata da un artista innamorato della vita? Chiedimi come iscrivendoti alla newsletter.

Iscriviti alla newsletter

Tra il lampone e l’amaranto cosa c’è?

Quando è ben maturo, il lampone assume una tonalità che sconfina nell’amaranto. Un colore simile a quello del vino rosso. Non tutti colgono certe sfumature, ma il protagonista del racconto di Lorenzo Bottazzo Nel prato (tra il lampone e l’amaranto) sì.

Una giornata di fine primavera, matura di sole. Una piazza vivace, piena di gente. Un uomo aspetta la sua ex. Le ha chiesto di riportargli delle carte che teneva a casa sua ai tempi della loro relazione. Pretesto banale. Se fosse un pretesto…

Dopo un goffo scambio di battute, si siedono al tavolo di un ristorantino e la donna ordina un buon rosso. Lei, arrotondata dal tempo, indossa un abito scollato di una tinta indefinibile, tra il lampone e l’amaranto. Mentre si toglie il golfino, lui segue il sinuoso movimento delle sue braccia. Ed ecco che, in pochi istanti, lo spazio tra i due colori si riempie di voluttà.

Sgorgano emozioni che, a fine pranzo, si stemperano nella sofficità di una sbavatura di mousse al cioccolato su due labbra color fragola o, forse, lampone.

Come andrà a finire?

Nell’attesa, gustiamoci una fetta di questo GÂTEAU MOUSSE AU CHOCOLAT ET FRAMBOISES che detto in francese è tutta un’altra storia.

Lampone e cioccolato per una mousse fantastica.
GÂTEAU MOUSSE AU CHOCOLAT ET FRAMBOISES

Cosa serve

Per la base:

  • 90 grammi di mandorle in polvere
  • 30 grammi di cacao in polvere
  • 30 grammi di farina
  • 1 pizzico di sale
  • 2 uova
  • 100 grammi di zucchero
  • 80 ml di olio vegetale di sapore neutro
  • 80 ml di panna acida

Per la confettura di lampone:

  • 375 grammi di lamponi
  • 3 cucchiai di sciroppo d’acero o miele
  • 3 cucchiai di semi di chia

Per la mousse:

  • 4 uova (separando gli albumi dai tuorli)
  • 2 cucchiai di pepe di Timut
  • https://www.agrodolce.it/2017/04/26/pepe-di-timut/
  • 70 grammi di mascarpone
  • 85 grammi di panna liquida intera
  • 300 grammi di cioccolato fondente noir intense
  • 30 grammi di zucchero in polvere

Come si fa

Per la base:

  1. Preriscaldare il forno a 180°C e imburrare uno stampo rotondo da 20-23 cm de diametro. Rivestire lo stampo con carta da forno e imburrarla.
  2. In una ciotola mescolare la polvere di mandorle, il cacao in polvere, la farina e il sale. In un’altra ciotola, sbattere le uova, lo zucchero, l’olio e la panna.
  3. Incorporare gli ingredienti secchi a quelli umidi mescolando con cura.
  4. Infornare per 20-25 minuti; lasciar raffreddare nello stampo e poi trasferire su una griglia. Quando la torta è fredda, ricoprire il fondo e le pareti di uno stampo di pellicola per alimenti prima di adagiarvi la torta. Mettere in frigo per 1 ora.

Per la confettura di lamponi:

  1. Far scaldare i lamponi in una piccola casseruola fino a ridurli in purea.
  2. Aggiungere i semi di chia, lo sciroppo d’acero o il miele, mescolando bene affinché l’impasto si addensi. Trasferirlo in un recipiente e porlo in frigo finché non si raffreddi completamente.
  3. In alternativa, acquistare della confettura già pronta.

Per la mousse:

  1. Far fondere il cioccolato nel microonde o a bagnomaria mescolandolo continuamente.
  2. Sbattere i tuorli e incorporarli al cioccolato fuso mescolando vigorosamente per evitare che si cuociano.
  3. Mescolare mascarpone e panna liquida insieme. Sbatterli col mixer, finché la miscela non diventi uniforme. Incorporare alla panna e mescolare bene.
  4. In un contenitore a parte, sbattere a neve gli albumi col mixer. Quando gli albumi iniziano a montare, incorporare delicatamente lo zucchero un cucchiaio alla volta, continuando a sbattere finché non si forma la meringa.
  5. Mescolare un terzo della meringa al cioccolato, poi incorporare delicatamente il resto della meringa.
  6. Versare la mousse sulla torta lisciandone la superficie e metterla in frigo per 2 ore. Tirarla fuori 15-20 minuti prima di servirla.

Buon dessert e, soprattutto, buon dopo dessert.

Add a Comment