GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA

Per chi si iscrive al blog c'è un simpatico OMAGGIO: i primi dieci suggerimenti del GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA a cura della redazione della Dispensa delle Storie.

JUNK JOURNAL

Junk journal a tema culinario/letterario (ma non solo…), anche su ordinazione.

Storie piccole

Il tuo bambino ama le favole, ma è stufo di sentirsi raccontare sempre le stesse storie? Ti piacerebbe regalargliene una dove lui è il protagonista insieme al suo piatto preferito? Se la risposta a entrambe le domande è sì, sei atterrata sulla pagina giusta. Contattami iscrivendoti alla newsletter e vedremo insieme cosa si può fare e come.

 

 

Storie d’amore

Vorresti regalare alla tua lei o al tuo lui una raccolta di ricette d’amore ispirata alla vostra storia, con i vostri piatti preferiti, e illustrata da un artista innamorato della vita? Chiedimi come iscrivendoti alla newsletter.

Iscriviti alla newsletter

THE ITALIAN: il gelato è italiano?

The Italian ovvero il gelato. La carta dei tarocchi Food Fortunes di oggi raffigura una coppetta di gelato.
The Italian

The Italian: il gelato. In tutto il mondo, il gelato è sinonimo di italianità, come si deduce dalla carta dei tarocchi (americani) Food Fortunes di oggi. E’ considerato uno dei “gioielli della corona” dell’Italia. Ma chi lo ha inventato?

Pare che il primo esperimento risalga più o meno al 2000 a.C. , epoca in cui gli abitanti della Cina iniziarono a mescolare riso molto cotto con spezie, neve e ghiaccio.

Proprio in Cina, nel XIII secolo, fecero la loro comparsa i primi carrettini ambulanti di gelato: cento anni dopo, Marco Polo apprezzò così tanto questo antenato del nostro gelato da importare latte e frutta ghiacciati in Italia. Naturalmente, il successo fu notevole tanto che anche qui si iniziò a congelare i primi succhi di frutta.

Il Café Procope e il genio italiano

Per gustare un vero gelato dobbiamo però attendere il 1686. In quell’anno, il cuoco italiano Francesco Procopio dei Coltelli aprì a Parigi il Café Procope. Egli ave­va ere­di­ta­to dal non­no una mac­chi­na in gra­do di la­vo­ra­re ar­ti­gia­nal­men­te i sor­bet­ti, in­ven­ta­ti da­gli ara­bi. Dopo aver­la pro­va­ta de­ci­se di servirsene per la sua attività. Scoprendo l’uso dello zucchero al posto del miele e del sale mischiato con il ghiaccio per farlo durare di più fece un salto di qualità e venne accolto dai parigini come geniale inventore.

Nel suo locale offriva «acque gelate», (la granita), gelati di frutta, «fiori d’anice», «fiori di cannella», «frangipane», «gelato al succo di limone», «gelato al succo d’arancio», «sorbetto di fragola», in una «patente reale» (una concessione) con cui Luigi XIV aveva dato a Procopio l’esclusiva di quei dolci.

Gra­zie alla posizione stra­te­gi­ca di fron­te alla Co­mé­die Fra­nçai­se, il lo­ca­le fu frequentato da mol­ti ar­ti­sti e intellettuali quali Vo­ltai­re, Bal­zac, Hugo, Ro­be­spier­re, Di­de­rot e D’A­lem­bert.

Il Café Procope esiste ancora e si trova in rue de l’Ancienne Comédie, nel cuore di Saint-Germain des Prés. https://www.procope.com/?utm_source=Google&utm_medium=GMB&utm_campaign=PR

Per chi volessi cimentarsi nella preparazione del gelato in casa…

Add a Comment