GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA

Per chi si iscrive al blog c'è un simpatico OMAGGIO: i primi dieci suggerimenti del GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA a cura della redazione della Dispensa delle Storie.

JUNK JOURNAL

Junk journal a tema culinario/letterario (ma non solo…), anche su ordinazione.

Storie piccole

Il tuo bambino ama le favole, ma è stufo di sentirsi raccontare sempre le stesse storie? Ti piacerebbe regalargliene una dove lui è il protagonista insieme al suo piatto preferito? Se la risposta a entrambe le domande è sì, sei atterrata sulla pagina giusta. Contattami iscrivendoti alla newsletter e vedremo insieme cosa si può fare e come.

 

 

Storie d’amore

Vorresti regalare alla tua lei o al tuo lui una raccolta di ricette d’amore ispirata alla vostra storia, con i vostri piatti preferiti, e illustrata da un artista innamorato della vita? Chiedimi come iscrivendoti alla newsletter.

Iscriviti alla newsletter

La sacher torte non è la madeleine, ma…

La sacher torte non è la madeleine, ma il suo potere evocativo è rimasto immutato dagli Ottanta a oggi.

Bianca (1983)

Delle madeleine di Proust e della loro capacità di riportare alla memoria un mondo di ricordi abbiamo già parlato ampiamente qui https://ladispensadellestorie.com/wp-admin/post.php?post=2031&action=edit

Da quando è stata inventata la Nutella (nel secondo dopoguerra), le cose sono radicalmente mutate. Il nostro rapporto con i dolci non è sempre equilibrato. L’ansia, compagna di vita della nostra epoca, caratterizza certi personaggi di Nanni Moretti, sempre in difficoltà nel relazionarsi con gli altri, e li spinge a buttarsi sui dolci e, in particolare, sul cioccolato. Di notte, il protagonista di Bianca (1983) spalma la Nutella sul pane attingendo da un barattolo enorme.

la sacher torteIn questo film, il dolce assume una valenza simbolica e l’intera pellicola è una sorta di catalogo di torte e dolci, ognuno con un proprio significato.

Come forse saprete, dietro la Sacher torte c’è una storia incredibile che risale all’epoca della Restaurazione.

Correva l’anno 1832 (e correva veloce…). L’apprendista cuoco pasticcere Franz Sacher lavorava per l’allora cancelliere austriaco Klemens von Metternich. Un bel (o brutto, dipende dai punti di vista…) giorno, il capo cuoco si ammalò e il sedicenne Franz si trovò a doverlo sostituire di punto in bianco. Fu così che indossò il cappello da cuoco del collega e si accinse a realizzare la sua creazione, la prima Sacher Torte, che servì come dessert a un pranzo ufficiale riscuotendo un successo strepitoso. Da quel giorno, la Sacher fu richiestissima e divenne una presenza costante sulle ricche tavole dell’ alta società europea.

Oggigiorno esistono molte ricette di questa torta, ma quella originale è tenuta segreta nella pasticceria dell’Hotel Sacher di Vienna https://www.sacher.com/ dove si può gustare e acquistare. Per chi non può recarsi a Vienna, è possibile ordinarla online.

Gli adoratori dei dolci al cioccolato fatti in casa, invece, si consoleranno con questo gustoso volumetto.

Add a Comment