GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA

Per chi si iscrive al blog c'è un simpatico OMAGGIO: i primi dieci suggerimenti del GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA a cura della redazione della Dispensa delle Storie.

JUNK JOURNAL

Junk journal a tema culinario/letterario (ma non solo…), anche su ordinazione.

Storie piccole

Il tuo bambino ama le favole, ma è stufo di sentirsi raccontare sempre le stesse storie? Ti piacerebbe regalargliene una dove lui è il protagonista insieme al suo piatto preferito? Se la risposta a entrambe le domande è sì, sei atterrata sulla pagina giusta. Contattami iscrivendoti alla newsletter e vedremo insieme cosa si può fare e come.

 

 

Storie d’amore

Vorresti regalare alla tua lei o al tuo lui una raccolta di ricette d’amore ispirata alla vostra storia, con i vostri piatti preferiti, e illustrata da un artista innamorato della vita? Chiedimi come iscrivendoti alla newsletter.

Iscriviti alla newsletter

ACE OF SIDES, ovvero: pico de gallo.

Pico de Gallo

Ace of sides. La carta dei tarocchi Food Fortunes di oggi ci trasporta nella magia dei colori del Messico (e dei suoi sapori…).

Il nome della carta (Ace of sides) ci permette di dedurre che stiamo parlando di un piatto di accompagnamento. Il Pico de Gallo, infatti, è un condimento crudo a base di pomodori, cipolla e peperoncini freschi tagliati a dadini. Il rosso dei pomodori, il verde dei peperoni e il bianco della cipolla ricordano i colori della bandiera del Messico. E, perché no, anche di quella italiana…

Il termine “Pico de Gallo” in spagnolo indica il becco del gallo, e questo, secondo la food writer americana Sharon Tyler Herbst, https://en.wikipedia.org/wiki/Sharon_Tyler_Herbst ricorda il modo in cui questa salsa era mangiata nel passato, cioè prendendo il cibo tra l’indice e il pollice, un po’ come un gallo afferra il cibo con il becco.

Dal Messico la ricetta è arrivata in Texas, dove viene tradizionalmente servita in tavola il 4 luglio (Indipendence Day) insieme ai nachos al formaggio.

Qui sotto, la ricetta.

Che altro aggiungere? Per chi ha la possibilità di coltivare un orto, il consiglio è di produrre i propri ortaggi a partire dalla semina delle piantine procurandosi sementi non OGM in modo da poter dire: “questo l’ho fatto io ed è buono da mangiare!” https://kokopelli-semences.fr/fr/

Per creare un orto sano: https://amzn.to/2uRJHuT

Add a Comment