GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA

Per chi si iscrive al blog c'è un simpatico OMAGGIO: i primi dieci suggerimenti del GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA a cura della redazione della Dispensa delle Storie.

JUNK JOURNAL

Junk journal a tema culinario/letterario (ma non solo…), anche su ordinazione.

Storie piccole

Il tuo bambino ama le favole, ma è stufo di sentirsi raccontare sempre le stesse storie? Ti piacerebbe regalargliene una dove lui è il protagonista insieme al suo piatto preferito? Se la risposta a entrambe le domande è sì, sei atterrata sulla pagina giusta. Contattami iscrivendoti alla newsletter e vedremo insieme cosa si può fare e come.

 

 

Storie d’amore

Vorresti regalare alla tua lei o al tuo lui una raccolta di ricette d’amore ispirata alla vostra storia, con i vostri piatti preferiti, e illustrata da un artista innamorato della vita? Chiedimi come iscrivendoti alla newsletter.

Iscriviti alla newsletter

Gli animali si sfamano, l’uomo mangia.

“Gli animali si sfamano, l’uomo mangia, solo l’uomo d’ingegno sa mangiare”. (Jean Anthelme Brillat-Savarin)

Fisiologia del gusto ovvero Meditazioni di gastronomia trascendente

Jean Anthelme Brillat-Savarin (1755-1826) fu molte cose _ politico, magistrato, musicista, conversatore e cacciatore _ nessuna delle quali gli avrebbe garantito una qualche forma di immortalità se non avesse scritto la Fisiologia del gusto.

Il libro si presenta come una raccolta di 30 meditazioni, seguite da una serie di aneddoti e un percorso che dalla teoria passa alla pratica della gastronomia. 

Per quanto riguarda la struttura, segue un modello classico della letteratura filosofica-scientifica francese. Brillat-Savarin riflette sulle cose della vita di tutti i giorni, coniugando il sapere scientifico medico dell’epoca con l’esperienza culinaria. Come nel caso, ad esempio, dell’assunzione di cioccolata in funzione antidepressiva.

“Le persone che fanno uso di cioccolata sono quelle che godono di una salute più costantemente uguale e che sono meno soggette a una quantità di malucci che insidiano la felicità della vita e hanno una grassezza più stazionaria: due vantaggi che ognuno può verificare fra i suoi amici e fra coloro di cui conosce il regime alimentare”.

Il nostro suggeriva di aggiungere a mezzo litro di cioccolata qualche decina di chicchi d’ambra per contrastare quello che in tempi moderni si sarebbe definito il “male di vivere”.

“Nel mio modo particolare di specificare le cose, io chiamo la cioccolata con l’ambra cioccolata degli afflitti, perché, in ciascuna delle condizioni che ho enumerate, si prova un sentimento indefinibile e comune a tutte, che somiglia all’afflizione”.

Pdf dell’opera di B.-S. https://www.mori.bz.it/gastronomia/Brillat-Savarin%20-%20La%20Fisiologia%20del%20gusto.pdf

Add a Comment