GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA

Per chi si iscrive al blog c'è un simpatico OMAGGIO: i primi dieci suggerimenti del GASTROVADEMECUM IN PUNTA DI FORCHETTA a cura della redazione della Dispensa delle Storie.

JUNK JOURNAL

Junk journal a tema culinario/letterario (ma non solo…), anche su ordinazione.

Storie piccole

Il tuo bambino ama le favole, ma è stufo di sentirsi raccontare sempre le stesse storie? Ti piacerebbe regalargliene una dove lui è il protagonista insieme al suo piatto preferito? Se la risposta a entrambe le domande è sì, sei atterrata sulla pagina giusta. Contattami iscrivendoti alla newsletter e vedremo insieme cosa si può fare e come.

 

 

Storie d’amore

Vorresti regalare alla tua lei o al tuo lui una raccolta di ricette d’amore ispirata alla vostra storia, con i vostri piatti preferiti, e illustrata da un artista innamorato della vita? Chiedimi come iscrivendoti alla newsletter.

Iscriviti alla newsletter

Wagashi: uno specchio delle quattro stagioni.

Per wagashi si intendono i dolci giapponesi, preparati seguendo ricette tradizionali. Essi sono contrapposti agli yōgashi, i dolci introdotti dall’Occidente. Ne esistono di vari tipi classificati per il tipo di cottura (a vapore, al forno, eccetera) o per la quantità d’acqua in essi contenuti. In base a quest’ultima suddivisione,...

Il pomodoro non è un ortaggio

“Conoscere è sapere che un pomodoro è un frutto. La saggezza è sapere di non metterlo in una macedonia”. (Brian O’ Driscoll)...

Cuoco cattivo, cuoco buono.

 “Il cattivo cuoco è colui che cerca di nascondere il gusto originario dell’ingrediente invece di valorizzarlo.” Muriel Barbery non è stata l’unica a essere ispirata dalla cucina per scrivere un romanzo. Ad esempio, Guillaume Musso ne Il richiamo dell’angelo ci offre alcune citazioni sul buon cibo attraverso il personaggio di Jonathan,...

Fragola: cosa si fa con te…

“La fragola, che cresce sotto l´ortica, rappresenta l´eccezione più bella alla regola, poiché innocenza e fragranza sono i suoi nomi. Essa è cibo da fate”. (William Shakespeare) La fragola, fin dall’antichità, è la protagonista di tante leggende e opere poetiche. Sono andata nel bosco / nel mattino ricco di...

Aperitivo: chi l’ha inventato?

Chi ha inventato l’aperitivo? Parliamone. “Un popolo con una così grande varietà di aperitivi come il nostro non può morire di fame”.(Marcello Marchesi)  Nel IV secolo a.C. il medico greco Ippocrate scoprì che, per alleviare i disturbi di inappetenza dei suoi pazienti, bastava somministrare loro una bevanda a base di vino bianco, fiori di...

Gelsomino: fiore notturno.

Il gelsomino notturno è una poesia di Giovanni Pascoli del 1903, contenuta nella raccolta Canti di Castelvecchio, scritta in occasione del matrimonio dell’amico Gabriele Brignati. In questo componimento, ritroviamo tutto il simbolismo pascoliano, che trova nella natura il termine di confronto per la propria sensibilità e per l’inquietudine esistenziale che...

Fave, dette anche baccelli.

Le fave (o baccelli, come si chiamano in Toscana) sono conosciute fin dai tempi antichi, dove erano coltivate e usate anche come alimento per gli schiavi insieme a farro e fichi, per via delle loro proprietà nutritive. Le fave si possono coltivare un po’ in tutta Italia; si raccolgono...

Oggi è il 1° maggio.

Oggi è il 1° maggio e La Dispensa delle Storie si prende la giornata libera, ma non vi lascia a digiuno. Ecco, infatti, un menu completo a cui attingere anche nei prossimi giorni. Buona festa a tutti!...

Glicine da Oscar.

Glicine in giardino e in biblioteca. Oggi parliamo di Dorian Gray, il bellissimo giovane protagonista del famoso romanzo di Oscar Wilde, ritratto da un pittore suo amico quando è all’apice del suo splendore. Ossessionato dall’idea di invecchiare e di perdere la sua avvenenza, grazie a un sortilegio, ottiene che...

Viole del pensiero in insalata con erbette.

Viole in insalata e… in letteratura. La primavera è, per antonomasia, la stagione delle viole e dell’amore. Da tempo immemorabile ai fiori vengono utilizzati per inviare messaggi d’amore, ma non solo. Nell’opera di Shakespeare Sogno di una notte di mezza estate, all’Atto II Scena I, Oberon ordina al sua aiutante...